Della classica bibliotecaria ha solo gli occhiali. Per il resto: è Sara! Con un sorriso allegro e due occhi azzurri incredibili che, quando le chiedo del suo lavoro, s’illuminano. “È il più bel lavoro del mondo! Scrivilo, mi raccomando”.  Siamo al piano terra della Biblioteca delle Oblate, lei lavora qui.
“Perché la bibliotecaria? E perché nella sezione bambini?”.
“Perché non ho mai smesso di leggere libri per ragazzi. Perché sono la mia passione!”.
E la verità è che, per passione, si fanno le cose più belle. Semplicemente.
La passione di Sara la senti mentre parla dei piccoli(grandi)lettori fiorentini che frequentano le Oblate:
“Prestito dopo prestito, con i bambini si costruisce un legame speciale. Impari cosa li appassiona, cosa li spaventa, cosa li intriga. Allora provi a consigliare quel libro o quell’altro. E poi aspetti che tornino, per sapere se gli è piaciuto – o anche no! Perché leggere un libro è un po’ come mangiare un gelato: ognuno ha i suoi gusti!”.
La passione di Sara la senti mentre legge ad alta voce. Lo fa ogni primo sabato del mese, in biblioteca. Sono “Le letture di Sara” – proprio lei, sì!
“Mi piace leggere per i bambini. Mi piace quando li vedo che mi seguono tra le righe. Mi piace fare le voci buffe e provocare le emozioni più intense: le risate, la paura, la suspance…”.
Sara la trovate alle Oblate. Ma potrebbe capitarvi di incontrarla anche sul bus. Come è successo a quel bambino che, tirando la mamma per la maglietta, ha sussurrato: “Mamma, è lei!! È quella della biblioteca”. E un bellissimo sorriso imbarazzato: è lei!

Sara Fedeli è bibliotecaria presso Biblioteca delle Oblate per EDA Servizi

(Visited 132 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTTT

Allora niente!