Non amo particolarmente l’altalena. Mi viene la nausea dopo tre secondi. Eppure…..
Piazza della Signoria, ieri sera aveva un ché di magico. Oltre la Notte Bianca, oltre la confusione, la gente che si muoveva senza sosta, il vocìo…. C’era una melodia.
Nessuna street band. Niente complessini. E poi: niente spartiti. Niente accordi. Solo campane e altalene. E un suono dolce, come una nenia. Di quelle che si cantano ai bambini per calmarli – che poi servono più a noi che a loro.
Io ci sarei rimasta ore, ieri sera, in Piazza della Signoria. Affascinata. Rapita.
Erano le “Flying Bells” di Felice Limosani – ma questo l’ho scoperto dopo. Così come ho scoperto del significato, il messaggio, il senso….. Per fortuna, quando sono arrivata, non ne sapevo nulla. Così me la son assaporata per quello che era (per me).
Leggerezza. Spensieratezza. Magia.
Mi ci sarei fatta pure un bel giro su quell’altalena. E in realtà: perché non l’ho fatto?! Un po’ perché – semplicemente – a volte mi capita di perdere qualche treno. Un po’ perché mi sono incantata: c’era una bambina bionda che su quell’altalena ci volava davvero. Nei suoi occhi c’erano stupore, felicità. E poi qualcos’altro. Come uno scintillio. Lo stesso che vedo negli occhi dei miei bambini mentre si spingono sull’altalena – da soli.
Mi son sempre domandata cosa sia, quello scintillio.
E, semplicemente: non lo so.

(Visited 185 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTT

Io sto fuori

TESTTTTTTTTTT

Che fretta c’era