Enisei – Zebre Licata ferma un avversario

l rugby italiano è come una montagna russa. A volte raggiungi grandi picchi a volte grandi baratri. Non finirò mai di ripetere, sempre parola più parola meno, le prime parole di Conor O’Shea quando decise di prendere la gestione della panchina azzurra.
E continuerò a ripetere che mai parole furono più azzeccate. Rinforzati dal ritorno dei giocatori impegnati con la nazionale sia le Zebre che il Treviso sono infatti riusciti a portare risultati positivi questa settimana in Challenge Cup.

Iniziamo con le Zebre, vittime di un periodo non proprio positivo, che finalmente interrompono la serie negativa di partite fuori casa di quest’anno. La vittoria va contro i capolista russi dell’Enisei, squadra tutt’altro da sottovalutare visti i tanto chiacchierati rinforzi arrivati da parte del campionato russo.
Prova invece più che buona per la franchigia federale che torna alla vittoria e punto bonus offensivo. Speriamo adesso a una iniezione di fiducia, anche grazie a una magistrale prestazione di Carlo Canna che continua a confermarsi punto di riferimento del rugby Italiano, in vista della prova di settimana prossima. 31-14 il punteggio finale.

Arriviamo poi al Benetton Rugby che nella ultima prova casalinga ha decisamente fatto parlare di sé.
In primis per la solidarietà dimostrata al giocatore Nasi Manu recentemente operato e al momento in chemioterapia. Tutta la squadra si è presentata allo stadio di Monigo completamente rasata a zero.
Successivamente per la grande prova contro una squadra di Premiership inglese. Sconfiggere, a tempo scaduto tra l’altro grazie a una bellisima azione di Sperandio su Ioane, gli Harlequins (squadra precedentemente allenata da Conor O’Shea e caposaldo del campionato inglese) fa veramente gonfiare il petto di orgoglio. Poche sbavature nella prova dei Leoni che portano a casa il risultato di 26-21!

(Visited 35 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.