Ma davvero i bambini possono dar noia?! Me lo son chiesto leggendo su facebook un post di Barbara, che sta cercando a Firenze la nuova sede per un asilo.
Pare che nei condomini fiorentini si preferisca non aver bambini tra i piedi. M’indigno.
Poi penso al casino che riescono a fare i miei – in tre – a casa: intere scatole di costruzioni rovesciate a terra, sfide alle macchinine, pallonate, pianti a dirotto, urla strazianti e urla di gioia. Urla per gioco e bisticci vari con tanto di…. urla!
In casa, in giardino – condominiale. Non importa dove: urla!
“Bimbi, basta!”.
Io dopo un pochino sbotto. Dai nostri vicini invece: niente, neppure una lamentela.
A dire il vero a volte me lo son chiesto: “Cosa penserà ‘sta gente di tutta la confusione che viene da casa mia?!”.
Poi incontro la mia dirimpettaia per le scale. È insieme alla sua amica del cuore: la signora che abita di sopra.
“Eccoli!!”, fanno loro.
“Eccoci”, penso io.
“Ma come sono questi bambini?! Sono speciali, non si sentono! Eh ma è brava anche lei, signora!!”.
………….
Sono senza parole.
Sorrido – basita.
E poi decido di svignarmela più veloce possibile, prima che cambino idea. Faccio cinque scalini e mi viene in mente che devo darle i soldi per la pulizia delle scale.
“Signora!”
Niente.
Provo un po’ più forte: “Signoraa”.
Siamo a cinque scalini di distanza e non mi sentono…. Ora è tutto chiaro!
Barbara, è la svolta: ti ci vuole un condominio di ex-giovincelli.
Like mine!!!!!!

(Visited 73 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.