Una mela, due ciliegie, una banana. Aggiungete fagioli secchi, semi di girasole e pisellini. Condite il tutto con erbe aromatiche e buon divertimento! È la ricetta della caccia al tesoro verde dell’Orto Botanico di Firenze. Due ore a cercare indizi e indovinare piante. A disegnare, provare a scrivere. Annusare. E poi finalmente: il tesoro! Un sachettino pieno di semi di ogni tipo.
“Io mangia?!”
“No, Gio. Sono semi, vanno piantati e poi…”.
“E poi nacce ‘a pianta gossa gossa?”.
“Oh, Tommi vieni a vedere!! Ci sono i microscopiii. Come quello della nonna”.
“Wow! Ganzo!!!”.
“Prima guardo io!”.
“No: io!”.
“Ma se prima non prepari il vetrino, peròòò”.
……………….
“E te che ne sai di vetrini, Pietro?”.
“Lo so!”.
“Te l’ha detto la maestra all’asilo?”.
“No, lo so io da me!”.
“No, mamma: ce l’ha detto la nonna Maria!”.
La nonna Maria è la scienziata di casa. È la nonna che quando trova uno di quegli insetti terrificanti, invece di schiacciarlo o scacciarlo, chiama tutti a raccolta per farci vedere com’è bello. È la nonna che, per Natale, s’è fatta regalare il microscopio. È lei che, tra le righe, mi ha detto: “Portaceli!”. E così, una domenica pomeriggio, ci siamo ritrovati a giocare a caccia al tesoro tra i viottoli dell’Orto Botanico. E magari, ora che è Agosto, non ci sono in programma attività particolari, ma un giro vale la pena. E se non troverete il tesoro di semi, io dico che un po’ di fresco lo trovate! Mamme, nonne scienziate. E piccirulli vari.

 

(Visited 64 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTT

LuiSottoCasa

TESTTTTTTTTTT

A godersi la scena