Pausa nel campionato Top12 per dare spazio alle varie coppe con le prime classificate dello scorso anno, nella oramai vecchia Eccellenza, impegnate nel torneo europeo della Continental Shield, porta di accesso per la più prestigiosa Challenge Cup dove al momento sono impegnate le due franchigie italiane.
L’accesso a tale torneo sarebbe il risultato del lavoro di tutto lo staff dei Medicei in quanto consacrerebbe la squadra fiorentina tra le grandi del rugby italiano oramai atrofizzato ai soliti quattro-cinque nomi se non consideriamo la magistrale prova di quest’anno del Valorugby Emilia che ha lasciato tutti piacevolmente a bocca aperta.

Squadra che è stata ospitata lo scorso sabato dai Medicei per la partita valida per la Coppa Italia, già precedentemente affrontata nella prima di campionato e decisamente un osso molto duro per i ragazzi di Presutti e Basson.
I Medicei questa volta hanno dimostrato una maggiore determinazione e sembravano dimentichi del “male di partite in casa” che ultimamente li affliggeva, Il ritorno del pilone Montivero, già da un paio di partite per la precisione, ha consolidato il pack fiorentino mentre Dan Newton continua a confermarsi un punto di riferimento come playmaker. Non dimentichiamoci poi delle ottime prove di tutti gli altri giocatori come Ross Mc Cann, man of the match, e autore di una difesa a dir poco spettacolare.

Inutile dirlo a questo punto che la partita è stata vinta. 19-13 grazie a un ottimo gioco e ai già citati Montivero e Newton. I Medicei conquistano il primo posto del girone 2, in altre parole i risultati si inizano, forse, a vedere. C’è adesso da vedere se riusciranno a continuare la scia positiva visto che settimana prossima la partita contro il Valorugby si ripeterà, sempre per la Coppa Italia. Ma questa volta i Medicei saranno fuori casa.
Prossimo appuntamento con il Top12 sarà prima della pausa Natalizia, il 22 dicembre, con la partita in casa contro i campioni in carica del Petrarca Padova. Arrivarci con una serie positiva sarebbe ottimale per il morale vista la difficoltà dell’incontro.

Materiale fotografico di Donatella Bernini

(Visited 68 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.