Ancora una interessante mostra offertaci dall‘Archivio di Stato di Firenze. Dal 23 novembre 2019 al 18 gennaio 2020 verranno messi a disposizione dei visitatori una selezione dei documenti una innumerevole quantità di documenti riguardanti la vita politica e umana di Cosimo I de’Medici come le sue eclatanti nozze con Eleonora da Toledo, figlia del vicerè spagnolo di Napoli; le seconde nozze con Camilla Martelli; l’istituzione di importanti (e ancora esistenti) centri artistici come l’Accademia delle Arti del Disegno; la corrispondenza con Vasari e Michelangelo Buonarroti.

In occasione dei 500 anni dalla sua nascita verranno  svelate le strategie che il figlio di Giovanni dalle Bande Nere e Maria Salviati attuò nella sua ascesa al potere iniziando dalla appropriazione dello stemma, dei palazzi e dei territori toscani fino ad arrivare allo spostare tutta la famiglia prima a Palazzo Vecchio e successivamente a Palazzo Pitti successivamente ampliato alla reggia che tutti conosciamo.
Cosimo fu poi Granduca, grazie alla sua capacità di stringere alleanze e amicizie anche a livello internazionale tra cui anche Papa Pio V che, appunto, procurò a lui e ai suoi eredi il titolo nobiliare che lo innalzava a un rango superiore rispetto a gran parte del resto d’Italia.
Inutile citare l’amore, come i suoi predecessori, per l’arte.

In altre parole una mostra imperdibile per gli amanti della storia di Firenze, aperta in orario 9-17 dal lunedì al venerdì; sabato 9-13. Chiuso domenica e festivi

(Visited 27 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.