Ci sono memorie che sbiadiscono, si fanno sempre più lontane. Sembrano scomparire… Ve lo ricordate, voi, dei vostri 6 anni?! Io credevo di sì. Invece poi: parcheggio in via Canova e scarico tutti dalla macchina, convinta di andare al “parco del ciucciù”.
I bimbi ci sono già stati con i nonni, per me è la prima volta. E mi piace da matti, questo parco: è di un verde incredibile, la pista tonda per i pattini – che mi ricorda quella davanti casa dei mie nonni – quei giochi così diversi dai soliti. E poi la sabbia!
Non so perché, la sabbia mi fa impazzire. Sarà che vedo i bimbi entusiasti, concentrati e divertiti insieme. Penso che sia per quello. Forse.
Loro giocano, scavano, ammucchiano la sabbia, costruiscono castelli diroccati. E io li guardo. Perdo la cognizione del tempo. E mi rilasso. È pazzesco: io ai giardini con tutti e tre, che mi rilasso!
Passano le settimane: compro un set di giochi da spiaggia e lo appendo nello stanzino con un annuncio ufficiale: “Questi sono i giochi per la sabbia del parco”. Siamo impazienti di usarli, ma piove, piove e ripiove….Appena possiamo ci torniamo, al parco di Villa Vogel. C’è qualcosa di particolare che mi lega a quel posto, come un’alchimia.
E poi…. I miei genitori vanno a Londra e mi mandano questa foto.
La mia mamma scrive: “Siamo a Wimbledon Park!
È il parco dove vi portavo sempre, quando abitavamo qui. Quanto c’hai giocato su questa sabbia, da piccina.
Te lo ricordi?!”.

 

 

(Visited 162 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.

TESTTTTTTTTTT

È un dono