cssSinceramente non se ne può più di leggere in ogni dove che chi se ne va all’estero accetta lavori che non avrebbe mai accettato in Italia, che se dovevi lavare i piatti o pulire i cessi a Londra potevi farlo anche a Tavarnuzze.

Questa leggenda metropolitana, secondo la quale si è più disposti a fare lavori umili all’estero che in Italia, appartiene allo stesso reame di quella che racconta che in Italia il lavoro c’è, ma non si presenta nessuno ai colloqui o nessuno risponde agli annunci, che se tutti hanno l’iPhone vuol dire che la crisi è un’invenzione, che i ristoranti sono pieni, etc… cioè al reame delle stron… bischerate scusate, e dei luoghi comuni.

Mi aspetterei di sentirla dal parrucchiere, al bar sport, sull’autobus o al limite sparata su forum di italiani all’estero, invece mi tocca leggerla pure da giornalisti (per esempio qui punto 5 e qui punto 3) che alla loro “profonda” analisi da sociologi improvvisati hanno aggiunto il metodo da scrittura ad elenco della lavandaia, come l’avrebbe chiamato la mia maestra delle elementari.

Quindi tocca ribadire, nella speranza che qualcuno sano di mente lo comprenda, che nella maggior parte dei casi non è vero che avresti potuto trovare lo stesso lavoro in Italia, soprattutto se hai una laurea e più di 30 anni. Nessuno ti considera per un posto in fabbrica, un’impresa di pulizie o in un bar o in un ristorante, se non puoi rientrare nella categoria di apprendista. In genere sei troppo qualificato o troppo vecchio o tutti e due.

Dopodiché, anche se lo avessi trovato, devi poterti permettere di lavorare per 600/800 euro al mese e per quanto l’Italia possa essere più economica di Londra, con cifre simili non puoi sperare neanche di sopravvivere condividendo un appartamento, ammesso il fatto che si trovino appartamenti da condividere al paesello, perché alle spese già alte di un affitto ci dovresti aggiungere quelle per un mezzo di locomozione, vista l’estensione e la qualità del trasporto pubblico. Ciò vuol dire che devi vivere con i tuoi, o avere il loro supporto economico.

In terzo luogo non è vero che sia la stessa cosa lavare i piatti al paesello in Italia dove manca qualsiasi prospettiva e farlo a Londra o a Berlino o in altre capitali europee. Le aziende in Italia sono piccole, spesso a conduzione familiare e quindi con nessuna o scarse possibilità di crescita al loro interno. Spesso i contratti, quando ne hai uno, sono a tempo determinato o a chiamata, pagamenti in voucher e altre schifezze simili. In molti sanno già che finito l’apprendistato non verranno riconfermati, ma sostituiti da altre figure precarie. Il mercato è asfittico per cui se anche sei “fortunato” da trovare un posto di lavoro devi accettare di tutto pur di mantenerlo, accettare di lavorare a nero, straordinari gratuiti, insulti gratuti etc.

Infine non si comprende il fatto che per molti, un periodo speso a fare il cameriere, barista, lavapiatti o altro, possa essere strumentale al raggiungimento di un altro scopo, mentre in Italia sarebbe stato più probabilmente fine a se stesso. Imparare la lingua, pagarsi un corso, mantenersi mentre si provano altre strade, ognuno può avere una motivazione diversa, compresa quella per esempio, sempre sottovalutata, di crescere professionalmente in quel settore che è sempre visto come un parcheggio per disperati, salvo quando poi il giornalista di turno va al ristorante e pretende un servizio professionale.

In quel caso potrebbe rivelarsi utile avere con sè le foto segnaletiche dei genii in questione a cui  forse sì, farebbe bene lavare i cessi per un determinato periodo di tempo, ovunque vogliano loro, Londra o Canicattì che sia, che qualcuno dovrà pur farlo no?

(Visited 5.157 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua