Pasticceria Cesare, via G. D’Annunzio 106

Alle pendici della collina di Settignano, a due passi dal centro tecnico di Coverciano c’è la scintillante Pasticceria Cesare.

Io l’ho scoperta per caso una gelida mattina di qualche inverno fa, quando in ritardo sulla mia solita tabella di marcia ero partita dall’Oltrarno scolazionata e alquanto scombussolata all’idea di affrontare un’intera mattina in una nuova classe e a stomaco vuoto.

Quando ormai tutte le mie speranze parevano svanite mi accorgo di questo grande bar che fa capolino in fondo a via D’Annunzio e tutte le sue luci mi attirano dentro.

Beh per essere la mia ultima spiaggia sono stata davvero fortunata.

La Pasticceria Cesare è quello che io definisco un “BarBello”.

Appena si entra si nota subito il lungo banco diviso in più scomparti con le paste della colazione alla vostra sinistra, i salati al centro e la pasticceria mignon e secca all’estrema destra.

E qui è il panico….cosa scelgo? Data l’abbondante varietà su ogni vassoio è scritto il tipo di pasta così la scelta diventa più facile.

Le brioche sono molto buone e anche i budini e notevoli anche i salati di sfoglia e i croissant salati.

Mi hanno invece un po’ deluso le sfoglie, mia grande passione e metro di giudizio secondo me per valutare la capacità manuale di un pasticcere, perché soprattutto quelle al cioccolato sono sempre un po’ dure e troppo cotte.

Le signorine dietro il banco, così come i proprietari alla cassa, sono sempre molto gentili e regalano spesso un sorriso che oggi come oggi non è così scontato.

 

Il Prezzo: cappuccino+brioche 2,40€

Il Pezzo Forte: i due baristi hanno un modo di comunicare gli innumerevoli tipi di caffè e cappuccino mettendo il cucchiaino o il piattino in modo particolare e guardandoli mi tornano in mente dei vecchi amici che si fanno i segni mentre giocano a briscola, proprio come faceva mio nonno che si chiamava Cesare.

(Visited 123 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Carlotta Ansaldi

Frutto dell’unione tra San Niccolo’ e la Colonna, nata per il Capodanno fiorentino vivo in Oltrarno… piu’ fiorentina di me forse c’e’ solo la bistecca.
Amo tanto gli animali, i libri, i miei tanti studenti e il mio lavoro di Archeologa per bambini ma la mia vera grande passione sono cappuccino, pasta e cronaca di Firenze rigorosamente al bar!

TESTTTTTTTTT

Il bar d’angolo

TESTTTTTTTTTT

L’altra Marisa