Le prime gelate sono appena arrivate. 
“E con questo cosa vuoi dire?” mi potreste obiettare. 
Fatemi finire…
Le prime gelate sono arrivate, il cavolo nero con esse. Infatti è con le ghiacciate che questo ortaggio si ammorbidisce e diventa tenero. 

Il cavolo nero, il re della ribollita, piatto squisito in questo periodo dell’anno, ottimo anche come verdura lessa e per le minestre di verdura.

Voglio proporvelo come condimento per degli spaghetti.

Ingredienti:

Cavolo nero 150g già lessati, oppure 200g freschi

Peperoni 1

Pancetta 150g

Sale, pepe e olio extravergine q.b.

Formaggio grattugiato 100g (Grana Padano o Parmigiano Reggiano) q.b.

Se usate il cavolo nero fresco:
Mettetelo a lessare in una grande pentola piena d’acqua. Toglietelo senza buttare l’acqua di cottura, ma sgocciolatelo bene; l’acqua servirà per cuocere la pasta. 

Con il cavolo lessato:
Mettete a bollire l’acqua per la pasta (meglio se quella utilizzata per cuocere il cavolo). Prendete una padella e fate soffriggere la pancetta, facendola rosolare delicatamente, pulite il peperone e tagliatelo a striscioline, mettetelo nella padella insieme alla pancetta e fatelo cuocere per 10 minuti. Aggiungete il cavolo e fate cuocere per altri 10 minuti, a fine cottura completate con un filo d’olio extravergine. Scolate la pasta ancora al dente e ripassatela in padella insieme al condimento di pancetta, peperone, cavolo nero e il formaggio grattugiato. Mantecate il tutto e servite ben caldo.

Interessante il mix dei diversi sapori della pancetta, del peperone e del cavolo nero, che riescono a fondersi uniformemente, regalandoci un sapore delicato, dove i tre gusti si possono distinguere, ma in modo armonioso con le loro diversità.

Per questo piatto il vino che vi consiglio è:

Vernaccia di San Gimignano

Zona di produzione: Le uve destinate alla produzione del vino “Vernaccia di San Gimignano” devono essere ottenute da vigneti situati in terreni collinari del comune di San Gimignano in provincia di Siena.
Uvaggi: Vernaccia San Gimignano minimo 90% possono concorrere, fino ad un massimo del 10% vitigni a bacca bianca aromatici della zona di denominazione.
Invecchiamento: si consiglia di consumarlo entro due anni
Gradazione alcolica: minimo 11,5°
“riserva” minimo 12,5
Colore: giallo paglierino con rilessi dorati che sono più accentuati con l’invecchiamento:
Profumo: delicato, fine con iniziali note fruttate; possono poi, con l’affinamento e
l’invecchiamento: evolvere note minerali;
Sapore: asciutto, armonico, sapido, a volte con caratteristico retrogusto di mandorla.
Abbinamenti: Antipasti Primi piatti delicati, piatti di pesce
Temperature di servizio: 9/11°
acidità: totale minima 5 g/l
estratto: non riduttore minimo 15,0 g/l

Buon Appetito

E che cavolo!

E che cavolo!

(Visited 149 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.