collezionistaSettimana di passione anticipata per i tanti calcio-alcoholic. Dopo la strippata calcistica delle ultime settimane, l’improvvisa penuria di partite potrebbe indurre qualcuno a compiere gesti inconsulti. Tipo, per esempio, uscire e fare quattro passi in centro insieme alla moglie o alla fidanzata.

Per chi proprio non ce la fa a staccarsi dallo schermo della televisione, consigliamo lunedì 23 marzo su Rai 2 uno dei tanti N.C.I.S. Quello di Los Angeles. Se non altro perché le alternative possibili sono “L’isola dei famosi” (bastaaa!!!!) e la ri-fiction su Domenico Modugno (una volta è sufficiente!).

Martedì 24 marzo su Rete 4 da non perdere, per i pochissimi che ancora non l’hanno visto, Il collezionista. Con un talentuoso Morgan Freeman e Ashley Judd nel ruolo della tostissima dottoressa Kate.

Mercoledì 25 marzo è il giorno di “The Voice of Italy” (TVOI per i più smanettoni). Fatti fuori, metaforicamente parlando, la Carrà e i suoi altezzosi giurati, restano Pelù & c. a tenere alta la bandiera dei talent. In alternativa, per i cultori del genere, l’ennesima puntata dello sciarelliano “Chi l’ha visto”.

Giovedì 26 marzo, per chi si è privato delle prime puntate de “La dama velata” (speriamo molti), su Rai 3 c’è Antonio Albanese nel film commedia “Tutto tutto niente niente”. Come se la realtà non fosse già abbastanza grottesca… Chi ama i talk può invece puntare il telecomando verso “Virus” e “Servizio Pubblico”, mentre su Rete 4 − ma solo per very very affezionati − c’è il datatissimo Steven Seagal di “Trappola sulle Montagne Rocciose”. Tra improbabili salti su un treno lanciato a tutta velocità e (forse) ansie da tecnologia fuori controllo.

Venerdì 27 marzo Rai Uno, non si sa per quale ragione, ri-ripropone in prima serata il leggendario “Pretty Woman”. A meno che non si preveda la prossima dipartita di uno dei protagonisti (improbabile), noi uomini non comprendiamo il senso di tale scelta. Forse perché adatto a un giorno di magro? Il karakiri della Rai continua sul canale 2 con l’inguardabile Rex 8 ambientato a Roma (che nostalgia per quello viennese e i suoi panini al wurstel…) e sul 3 con un programma sulla seconda guerra mondiale. Per pochi intimi. Su Mediaset stendiamo un velo pietoso, mentre La7 propone un Crozza ormai stanco e ripetitivo. Per chi comunque non vuol proprio saperne di uscire una scappatoia c’è: su LAEFFE un Ken Loach del 2004, in Bread and Roses. Un film durissimo che, in tempi di Job’s Act, andrebbe visto e meditato.

Sabato 28 marzo solo un pensiero − a televisione rigorosamente spenta − alla Carlucci e alle sue “Notti sul ghiaccio”. Senza la gettonatissima Cenerentola, ma con tanto di principe.

E poi… tutti fuori!!!!!

(Visited 86 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.