Quante coppie in questo preciso istante stanno per avere un orgasmo? Per Amélie a Parigi, in quell’istante che lei decide di essere istante, sono 15 le coppie che stanno svolgendo l’esercizio più bello che ci sia. Amélie, sì sì proprio l’Amélie del film “Il favoloso mondo di Amélie”, oltre a farsi le domande più strane e ad essere interessata alla statistica coltiva un gusto particolare per i piccoli piaceri: tuffare la mano in un sacco di legumi, rompere la crosta della creme brulée con la punta del cucchiaino. E far rimbalzare i sassi sul canale Saint-Martin.
Il canale si trova nel decimo arrondissement, il più colpito dalla follia lucida dei terroristi. Nel decimo arrondissement non ci sono i monumenti importanti che si trovano un po’ più a sud (ma non sono poi così lontani). Da queste parti è facile lasciarsi andare tra caffè, boutique, ristoranti, locali. Da queste parti c’è una Parigi molto parigina, una Parigi dove è visivamente prepotente la varietà di facce e di colori dei parigini di oggi. Era da queste parti che George Simenon aveva deciso di far risiedere i coniugi Maigret. Era da queste parti che, probabilmente, stava accadendo 1 dei 15 orgasmi di Amelie (o forse anche più di 1 di quei 15). Perché?
Perché basta passarci la sera per scoprire che qui Paris è veramente un piccolo mondo favoloso. L’acqua del canale è talmente liscia come l’olio che vien proprio voglia di tuffarcici dentro o di lanciarcici un bel sasso piatto per fare a gara a chi lo fa saltare più volte. E poi ci sono i ponti di ferro, i ponti girevoli, i piccoli giardinetti dove il canale diventa più stretto, le chiuse che si chiudono e che si aprono, l’acqua che scende e che sale. L’acqua e la strada circostante sono allo stesso livello e sono separate soltanto da una spalletta solo appena un po’ più alta. Su questa spalletta dal pomeriggio sono apparecchiati tanti ragazzi dalle mille facce e dai mille colori dei parigini di oggi, che parlano, bevono e mangiano allegramente. La stessa cosa avviene nei locali lì accanto.
È naturale pensare che questi ragazzi desiderino trasferire poi durante la notte le loro risate in un posto un po’ più comodo, per esempio un letto. I terroristi hanno colpito questa bella libertà. La libertà di poter stare insieme senza distinzioni di sorta e senza pregiudizio alcuno, il giorno, la sera, la notte e il mattino dopo. Oggi.

canal san martin
(Visited 212 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.