pooh… loro la fermeranno. I Pooh vanno in pensione. E con loro 50 anni della nostra musica.

Lunedì 7 marzo
Il Commissario Montalbano fa lo share di Sanremo senza un presentatore abbronzato. Come la mettiamo? Su Rai Tre (che continua nel suo “momento sì”) un thriller con Richard Gere. Titolo: L’angolo rosso. Allora il nuovo direttore funziona! Mediaset cerca di parare il colpo proponendo Sylvester Stallone con I mercenari 3 e Billy Elliot, famoso film sul figlio del minatore appassionato di danza. La settimana comincia bene.

Martedì 8 marzo
Oggi, festa della donna, Rai 4 propone Sex and the city, in versione film. Insomma, idea non proprio azzeccata, vista la… ricorrenza. Per il resto su Rai Uno va in onda la quarta puntata di Baciato dal sole. Abbiamo guardato la fiction abbastanza a lungo, per informarci. Ci è parsa piuttosto “forte”, visto anche l’orario (di sicuro passeremo da retrogradi bacchettoni, ma non esisteva la fascia protetta? Boh!). Da non perdere i primi minuti di Ballarò su Rai Tre con il graditissimo ritorno della Gialappa’s Band. Del resto, con Crozza su La7 alla stessa ora qualcosa la Rai doveva pur inventarsi!

Mercoledì 9 marzo
L’isola dei fumo… (mamma mia, il correttore automatico!!!). L’isola dei famosi ritorna su Canale 5. Dall’Honduras si ripropone il solito patetico cast di ex tronisti, ex cantanti (giovani ma già dimenticati), figli di famosi, ex show girl (una di loro ha dichiarato candidamente di partecipare perché deve mantenere i figli). C’è anche Simona Ventura che da conduttrice è passata a naufraga (in attesa dell’inevitabile definitivo inabissamento nell’oblio). TVOI su Rai Due vivacchia sulle smancerie da prima donna di Dolcenera, che sta cercando di mettere in un angolo la Carrà (che secondo noi non l’ha presa bene). Il programma non se ne avvantaggia, causa lo spessore davvero sottile dei protagonisti (e la Raffa, da sola, non può ridare fiato alla trasmissione). Meno male che c’è Chi l’ha visto? ma soprattutto un’imperdibile Chelsea-PSG di Champions su Italia Uno.

Giovedì 10 marzo
I due Terence Hill si rivedono in Don Matteo e Nati con la camicia. Secondo noi a Mediaset stanno perdendo la bussola. Anche perché nel confronto il vecchietto non ci perde per niente. A chi giova? La serata, poi, è televisivamente così poco attraente, che le vicende del prete detective saranno al centro dell’attenzione. Comunque, è sempre curioso notare come i carabinieri arrivino sempre a cose fatte e risolte.

Venerdì 11 marzo
Chi fermerà la musica? Ci siamo. Amici per sempre, speciale sui Pooh su Rai Uno, anche con D’Orazio e Fogli (tornati all’ovile per l’occasione). Conduce l’immancabile Carlo Conti. La Rai stasera fa la parte del leone con Code Black su Rai Tre e, soprattutto, con un autentico cimelio su Rai 4. Archeologia televisiva. Prima puntata della prima serie di Criminal Minds con Gideon (chi conosce la serie sa di cosa stiamo parlando). Insomma, se ci mettete anche Coliandro, stasera il servizio pubblico trionfa.

Sabato 12 marzo
Qualcuno la considera già una trasmissione terroristica. Il problema è che certe cose non le dice nessuno e quindi, per molti, non esistono. Scala Mercalli stasera parla di acqua, sfruttamento idrico irresponsabile, avvelenamento… basta così? Beh, se proprio non volete riflettere e preferite girarvi dall’altra parte ci sono sempre Ballando con le stelle o C’è posta per te. Tre ore e venti e una sola certezza: nessuno vi farà preoccupare.zzzzzzzzzzzzzzzzz

Domenica 13 marzo
Una settimana televisiva intensissima. Oggi ci riposiamo. Anche perché venerdì ci siamo cantati tutto il repertorio dei Pooh davanti al video. Patetici malinconici? Polverosi nostalgici? Rugginosi lacrimevoli? Fate voi. “Non restare chiuso qui, pensieeeero. Riempiti di sole e vai nel cieeeelo…”.

(Visited 133 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.