Che il mondo del rugby si sia sempre distinto nell’essere sempre presente nel tessuto sociale delle varie città che lo ospita è oramai un dato di fatto e su questo sito non abbiamo mai mancato di ripeterlo in continuazione. Sono innumerevoli gli interventi delle società italiane nei momenti di criticità dello stato italiano, ci viene da citare l’oramai storica collaborazione tra i Medicei (all’epoca ancora Firenze 1931) e l’Aquila rugby per la raccolta e distribuzione di generi di prima necessità quando la città de l’Aquila venne sconvolta dal sisma. Ed è soltanto uno dei tanti esempi che potremmo fare.

A fare parlare di sè, più che bene va detto, tocca al Florentia rugby altra realtà fiorentina che purtroppo non ha mai il riscontro mediatico che merita. Squadra che ha dato alla luce giocatori come Niccolò Cannone, al momento in rosa con gli Azzurri e atleta che si è fatto ben notare nelle poche partite dello scorso torneo delle Sei Nazioni giocate a febbraio prima del lockdown. Inoltre si tratta di una società in forte crescita, in testa al campionato di serie B con ottime possibilità di promozione (peccato per le giuste decisioni federali che congelano il campionato 2019/2020) e con impianto sportivo recentemente ristrutturato con tanto di nuovo campo sintetico.

Infatti è recente decisione della Florentia Rugby di collaborare con la Caritas in questo periodo di estrema difficoltà mettendo a disposizione i propri spazi, nello specifico gli spogliatoi, alle persone in difficoltà economica e sociali che vivono in un alloggio senza servizi igienici adeguati andando a potenziare, seppur temporaneamente, il servizio già offerto dalla Caritas.

E non è tutto. Per i tre giorni alla settimana in cui gli spogliatoi saranno disponibili la società metterà a disposizione prodotti per l’igiene personale, asciugamani e biancheria intima per uomini e donne. Si occuperà poi anche del lavaggio degli asciugamani. Oltre a questo, la società sportiva mette a disposizione i propri pulmini e provvede alla sanificazione degli ambienti con i prodotti forniti da Caritas.

Inutile dire poi che i giocatori e i volontari del Florentia rugby saranno disponibili nell’assitere chi usufruirà di tale aiuto andando anche a fornire loro un pasto. Il tutto, logicamente, rispettando le distanze sociali che tutti dobbiamo rispettare in questo periodo.

Un gesto, caldamente accolto dalla giunta comunale, che mostra un forte attaccamento della squadra alla città di Firenze oltre a essere un ulteriore lustro al movimento rugbystico italiano

(Visited 60 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.