food-art-italySi è conclusa lo scorso 15 novembre la Fiera enogastronomica Food Art Italy nella città di Pisa. In quel del palazzo dei congressi pisano è stato possibile, durante questo fine settimana, visitare per la prima volta questa fiera dove vari ristoranti, pasticcerie, paninoteche e chi più ne ha più ne metta  si sono ritrovati per far gustare varie specialità regionali e nazionali.
Immancabile, nella parte esterna, la sezione dedicata allo arrosticinistreetfood dove i tradizionali stand di porchetta erano accompagnati da altri che proponevano grigliate americane o ottimi arrosticini. Insomma la festa del palato e la croce delle nostre coronarie.
Nella parte interna, oltre ad alcuni rivenditori di porcellane (di cui non ho ben capito il motivo della loro presenza) si presentava una miriade di birrai artigianali e cantine di vino, la varietà di proposte gastronomiche  lasciava letteralmente a bocca aperta. Vinto l’imbarazzo della scelta, decido per delle crepes bretoni accompagnate da sidro. Una squisitezza.

crepe (1)Continuando l’esplorazione siamo arrivati alla cosiddetta “area ristoro” dove alcuni ristoranti, nell’auditorium del palazzo dei congressi, mettevano a disposizione i propri chef ed alcuni dei loro piatti più famosi.
Qualche pecca però c’è stata. In questa area il pagamento veniva effettuato tramite gettone da cambiare ad una cassa (in tutto il resto della fiera veniva fatto normalmente in euro) ciò ha creato molta confusione e lunghe code. Troppo pochi poi  i tavoli per fare accomodare gli avventori, molti hanno dovuto mangiare in piedi.

Considerando però gli stand di cake design con la possibilità di fare alcune prove, ed altri stand per vegani, il Food Art Italy è risultato essere una iniziativa più che vincente. Se riesce a mantenere l’attuale format con ingresso gratuito è sicuramente un evento da tenere in considerazione per una nuova visita nella prossima edizione.

(Visited 124 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

TESTTTTTTTTT

Hippopiada

TESTTTTTTTTTT

Amorino