Foodblogger, amanti del cibo e fotografi seriali di piatti cotti e mangiati, c’è il corso per voi: dal 16 settembre riprendono gli incontri di Click4Food, lezioni di food photography tenute direttamente nei luoghi del cibo, a partire dalle cucine dei grandi chef di Firenze.

click4food_food photography firenze

Click4Food, ideato dalla blogger Chiara Brandi e dal fotografo professionista Paolo Matteoni, comincia con un mini-corso di postproduzione sul programma di fotoritocco Lightroom il 16 e il 30 settembre presso lo spazio “Foods of Florence Creative Loft”, in zona Firenze Nord, a pochi passi dalla Stazione di Castello (40 euro una lezione, 70 euro il ciclo intero).

La prima sessione di scatti al ristorante è invece fissata per il 14 ottobre da Eataly, in via Martelli, mentre l’incontro del 5 novembre da Fratelli Cuore, alla Stazione di Santa Maria Novella, sarà focalizzato sugli ingredienti e i prodotti simbolo del ristorante, pizza in primis. Il 4 dicembre lezione alle botteghe del Mercato Centrale, location che sarà sfruttata per approfondire un’altra tecnica annessa e connessa: la streetphotography applicata al food. Ancora top secret la location dell’ultimo incontro della sessione autunno-inverno di Click4Food: sicuramente sarà a gennaio nel regno di uno dei più noti chef della scena fiorentina.

Gli appuntamenti si terranno tutti nel tardo pomeriggio, in modo da non interferire troppo con le attività lavorative degli iscritti. I posti disponibili sono al massimo 10 ed è possibile partecipare anche ad una sola lezione (50 euro incontro singolo, 10% di sconto su quelli successivi). Non è necessario essere in possesso di una super-fotocamera: l’obiettivo del corso non è diventare fotografi professionisti, ma imparare a raccontare una storia attraverso le immagini e trasmettere le emozioni del cibo attraverso una foto. Info e iscrizioni sulla pagina Facebook e all’indirizzo mail click4foodfirenze@gmail.com.

 

(Visited 119 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Puliti

Giornalista, blogger, social media addicted.