Penso sia praticamente impossibile riuscire a definire di preciso cosa sia il cibo di strada. Questo può essere catalogato in base a come viene servito o soltanto dalla tipologia di cibo offerta oppure dalla struttura in cui andiamo a mangiare? Ad esempio, il lampredotto è possibile mangiarlo sia al panino, in porzione, in piedi al chiosco e al ristorante. Quale è il parametro che lo rende cibo di strada? Questo è il dubbio che mi è sorto quando sono andato a mangiare da Friggi Friggi.
Piccola bottega schiacciata tra negozi di alta moda di dubbio gusto in piazza Matteotti a Scandicci, con qualche sgabello per sedersi e poco spazio apparecchiato, per circa una decina di persone. Il resto del fondo è preso dalla cucina-cassa e vetrina, insomma, la presentazione non era eccezionale (anche se molto pulito e gradevole all’aspetto), ma la segnalazione fattami non mi ha fatto desistere.
Come il nome consiglia, siamo nel regno della friggitoria, il menù è incredibilmente vasto, dalla semplice patata fritta alla frittura di pesce passando dalle frattaglie più assortite fino ad arrivare ai più ricercati piatti del giorno. Il tutto viene preparato e fritto espresso dai cordialissimi ragazzi del banco, vestiti di bianco con tanto di cappello da chef!
Ho potuto gustare una porzione di cervello di vitello fritto con verdure e una parte di frittura di paranza, tutto molto fresco e in pastella leggerissima. Insomma altissima la qualità anche se il prezzo della porzione al piatto non è propriamente dei più economici. Molto più accessibili i cartocci, di varie dimensioni e, di conseguenza, di vari prezzi.
Disponibili varie bevande, alcoliche e non, anche al bicchiere.
Essendo passato all’ora di pranzo, in un momento di calma, ho potuto gustarmi tutto con calma, ma lo scarso spazio a disposizione fa temere il peggio per i momenti di massima affluenza, forse anche per la qualità di quanto viene servito.  Altra pecca, non sono chiari gli orari di apertura, neanche sui flyer pubblicitari distribuiti nel fondo.
Forse Friggi Friggi non rappresenta il cibo di strada nel senso stretto del termine, ma vale decisamente una sosta.

(Visited 595 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.

TESTTTTTTTTT

Claudino

TESTTTTTTTTTT

Brioches notturne