In questo periodo facciamo ancora grande uso di fagioli, ceci, lenticchie e di legumi in genere, preparandoli spesso come minestre, zuppe, passati o vellutate; pietanze che ci possano riscaldare e dare quel nutrimento di cui, durante il periodo invernale, abbiamo bisogno.

Oggi  vi voglio proporre una ricetta un po’ particolare: un primo piatto asciutto, fatto con fagioli tondini e fusilli. Questo tipo di fagiolo, piccolo, tondo e con una pelle fine, si presta bene a questo tipo di piatto. Consiglio di utilizzare i fagioli tondini secchi, perché l’acqua di cottura servirà poi per cuocere i fusilli.

Ingredienti:

fusilli 400 grammi
fagioli tondini 250 grammi
aglio, ramerino e salvia q.b.
Sale, Pepe, e olio extravergine di oliva EVO q.b.

Mettete i fagioli tondini a bagno in abbondante acqua per almeno quattro ore o comunque seguite le indicazioni riportate sulla confezione.  Metteteli poi in una pentola, sempre con abbondante acqua, con ramerino, salvia, aglio e un filo d’olio EVO.
Quando saranno cotti, toglieteli dall’acqua di cottura con l’aiuto di una schiumarola, in modo da conservare la loro acqua di cottura, che servirà per cuocere i fusilli, lasciando comunque nell’acqua circa quattro cucchiai di fagioli. Se necessario, aggiungete altra acqua.
Mettete a cuocere i fusilli e scolateli ancora al dente. Serviteli in una zuppiera, aggiungendo i fagioli tondini che avevate messo da parte, un filo d’olio, una spolverata di pepe nero e, a piacimento, anche una spolverata di formaggio grattugiato.

Piatto delizioso e saporito che si discosta un po’ dalle solite zuppe o minestre di questo periodo.

… come sempre buon appetito

e fatemi sapere….

(Visited 27 time, 3 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.