Metti una famiglia di biondissimi. Biondi tutti: i tre figli e pure il babbo e la mamma. Metti un passeggino di quelli i-tech e delle scarpe belle comode. Metti che siano una famiglia di Olandesi e che abbiano scoperto – un po’ per caso e un po’ no – che a Firenze, a maggio, aprono il giardino delle rose e quello dell’iris. Metti che la mamma si sia presa una fissa per queste fioriture primaverili – o magari abbia voglia di respirare un po’ d’aria nuova e i tulipani le rose sono solo una scusa. O forse ha davvero voglia di riempirsi gli occhi di colori e di Firenze vista da lassù. Valle a capire, le mamme!!!
Insomma, metti tutto questo e immagina di incontrarli in centro: hanno appena finito di mangiare uno schiaccino, seduti ai piedi della colonna in piazza della Repubblica. E i due piccini sono agitati da morire: non stanno fermi, ballonzolano, saltellano, hanno delle espressioni che… Insomma, gli scappa la pipì. E al terzo, anche la popó.
“PipìPipìPipì”.
“Tanta tanta tanta”.
“Mamma, mi scappa la popoòòòòòòò. Fortissimo, non ce la faccio”.
E le facce del babbo e della mamma che…. Ecco, la pipì in centro a Firenze – così come ad Amsterdam, intendiamoci – può essere un bel problema. Se poi, invece di pipì, è popó, diventa un super problema. E allora: canali o biancone, tulipani o rose, bus o risciò, non importa più. Non fa differenza, ecco!
Buon viaggio alla mamma olandese che si riempirà il cuore di Firenze. Buon viaggio ai tre piccini, che si divertiranno da matti. Buon viaggio al babbo, che buberà, ma alla fine sarà contento anche lui. Anzi: “gode reis” a loro.
E anche a noi, che oggi siamo a respirare i colori e i profumi di Keukenhof (Olanda): buon viaggio!

(Visited 78 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesca Falagiani

Fiorentina d’importazione. Sono mamma – a tempo quasi pieno – di tre piccirulli. La mia vita è piena e rumorosa. Un po’ un caos! Dicono di me che sono una persona solare e positiva. Sicuramente: sorrido, spesso. Sono laureata in Media e Giornalismo, sto studiando per diventare maestra. E cerco di barcamenarmi tra mille cose, come tutte le mamme. E poi c’è il mio blog SmartMommy (http://www.smartmommy.it/). Per raccontare tutto il bello dell’essere mamma. Il bello anche nella fatica, nell’esaurimento, nello sconforto. Che ci sono – è innegabile – ma sono una parte. Per raccontare che si può fare. E lo si può fare divertendosi.