Day #1: Firenze – Graz

Un tour non è un tour senza un amico che viene con te a godere dei tuoi benefici di band quali cena/dormire e alcolici gratis. Raccattiamo perciò Carlo, regista del video “Grabbing A Crocodile”, e partiamo verso Graz (Austria).
Basta superare i confini del nostro bel paese e i concerti riprendono magicamente interesse, si popolano di ragazzi interessati a farsi un bel martedì sera in un locale fighissimo in centro (Sub), pagando PURE il live. Abbiamo due support band:i nostri amici inglesi Charles Howl e i locali Marta. Circa 80 paganti, una delle serate più fighe degli ultimi mesi. Martedì, Graz, Austria : si inizia a svuotare la prima scatola di vinili.

Day #2: Graz – Rostock

Da Graz a Rostock (Germania) sono 1.080 km, circa 9 ore di viaggio Ma valgono la pena, serata presa last minute prima di partire come supporto di una band ska italiana: non c’entriamo niente ma la gente è presa bene, il palco è grande e il pubblico (200 circa) merita.
Nota dolente: ho lasciato la patente ad un autogrill e deve guidare il nostro amico regista Carlo. Finito il concerto ci becchiamo uno dei più classici alcool-test dalla POLIZEI locale; Carlo ha bevuto e parecchio, ma supera incredibilmente il controllo. Miracolati, andiamo a letto in un comodo ostello.

Day #3: Rostock – Copenaghen

Copenaghen è una città piena di colori e di giovani alla moda vestiti di nero e ragazze bionde alte 1.90, ma è anche una metropoli dove si possono trovare dei bellissimi club underground come il Drone. Due ragazzi, a fine serata, ci hanno detto che il nostro sia stato il miglior concerto che abbiano mai visto: piccole soddisfazioni.
Domani si riparte verso la Germania tramite traghetto, sono ancora in attesa di riprendere la patente..

Day #4: Copenaghen – Halle

I concerti migliori sono quelli che non ti aspetti. Dopo la giornata più lunga del tour passata in una continua corsa contro il tempo arriviamo ad Halle (Germania). Il locale è una squat, Reil 78, suoniamo ancora con Charles Howl, circa 100 persone nel pubblico, tutte carichissime per ballare fino a farci sfinire di sudore. Stendiamo un velo pietoso sulla “stanza da letto”.

Day 5#: Halle – Berlino

Berlino è la migliore città d’Europa, inutile girarci intorno;  suoniamo al White Trash, un locale kitsch creato ad arte per mischiare turisti a pubblico autoctono. Camerino, albergo pagato, ottimo cachet: già con questi ingredienti si parte bene..il concerto è l’ultimo con Carlo che ci lascerà per tornare a casa ad una vita sana. Tutto perfetto.
Cinque concerti tutti completamente pieni di pubblico, finiamo sudati fradici in camera alle 7.30am. Sveglia alle 11.00 per ripartire, adesso posso finalmente guidare: ad Halle mi hanno fatto un foglio di via, una specie di post it scritto in tedesco, speriamo a bene..

TO BE CONTINUED…

(Visited 101 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

TESTTTTTTTTTT

Turisti per caso