Lo so che ci siete e che siete laggiù da qualche parte. E che in questo momento avete il fegato grosso come un tacchino ripieno. Vedere un panettone vi fa venire gli attacchi di panico. Sognate Ricciarelli con ghigni satanici inseguirvi alle Cascine. I crostini con i fegatelli vi riportano alla mente interminabili pranzi di famiglia dove vecchie zie vagamente somiglianti alla Thatcher vi chiedono innocentemente quanti esami vi mancano alla laurea. E voi dopo aver tossito goffamente sulla Mantovana e cosparso i parenti di zucchero a velo rispondete con difficoltà: ci sono quasi, ci sono quasi. No, il Natale non vi è mai piaciuto e anche andare a farvi sbruciacchiare i polpacci dai raudi dei quindicenni in centro per sentire Max Pezzali a Capodanno non vi esalta. Non sapete dove battere la testa. Eddie Murphy e Dan Aykroyd non bastano più. SOS Fantasmi è solo un piccolo sprazzo di luce. Vorreste rispondere a vostra zia a muso duro che vi mancano solo 5 esami, che anche se avete 43 anni e siete fuori corso da 20 sono comunque sempre meno di quelli che mancherebbero a lei se decidesse d’intraprendere una carriera accademica. Vorreste finirla con i cinepanettoni, con i cartoni della Pixar. Dire basta con le file nelle multisale piene di gente che puzza di lasagne e tortellini. Basta con i film copia e incolla di Pieraccioni.
Basta con tutta questa farsa.
Noi di Tutta Firenze non possiamo aiutarvi ma possiamo provare a darvi un consiglio per sfangare le feste.
Questo Natale sedetevi sul vostro divano.
Apritevi una birra.
Fate partire la vostra copia di Trappola di Cristallo e guardatevi come il Tenente John McClane fa fuori un intero palazzo per passare il 25 dicembre con le persone che ama.
Perchè diciamocelo, qualunque cosa vi possa accadere questo Natale non sarà mai come ritrovarvi da soli, armati di una canottiera bianca, ad affrontare una banda di Terroristi della Germania dell’Est.
E allora buon Natale, o meglio, hippy ya ye bastardi!

Fonte foto: sugarpulp.it

(Visited 401 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Michele Arena

Interessato a tutto ciò che è Indie, ma soprattutto alla musica e al cinema, lavora come Operatore sociale a Campi Bisenzio. Il suo sogno è tenere una lezione al DAMS su Notthing Hill.