SAMSUNG CSC

Il “vinaino” è, in Firenze, rivenditore di, come dice la parola, vino e qualche spuntino di accompagnamento. Storicamente piazzati nelle vie del centro hanno sempre accompagnato sia i pranzi dei lavoratori che le scorribande serali degli studenti fiorentini ricevendo, spesso, fortune alterne.
Uno dei più longevi e che ha superato senza grossi problemi crisi e mode come i fastfood è “I Due Fratellini”.
Se siete tra i pochi Fiorentini che ancora non conoscono questo “vinaino” o tra chi, turista straniero o fuori porta, visita per la prima volta il capoluogo toscano, dovete assolutamente fermarvi in questo posto.

Conosciuto dagli abitanti del centro semplicemente come “I Fratellini” va visitato principalmente per il pezzo di storia fiorentina che rappresenta, visto che si tratta, appunto, di una delle attività più vecchie del centro storico (una targa riporta dal 1875, non so se veritiera) oramai saldamente radicato nella tradizione cittadina. Immancabile la pausa per un panino e gotto di vino in quel di via Cimatori se si è in centro.

Poi per la qualità di quanto viene servito. Panini farciti in ogni modo vengono serviti nel piccolo fondo, ampia scelta con possibilità di infinite combinazioni. Buona la scelta dei vini serviti sia al gotto che al calice. Pur rimanendo in una fascia di prezzo bassa che pone un rapporto qualità prezzo più che ottimo, va detto che i panini sono tutt’altro che enormi, a mio avviso almeno due sono necessari per soddisfare un appetito normale. Pane e condimenti sempre freschi, ma qualcuno potrebbe storcere il naso.

Anche se caratteristica tipica dei vinaini più antichi, altra cosa che potrebbe essere considerata una pecca è la completa assenza o quasi di punti di appoggio, tranne che per i bicchieri.
Resta comunque un “must”dello streetfood fiorentino, assolutamente da provare!

(Visited 214 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.