Quando ero poco più che bambino andavo spesso a farmi lunghe chiacchierate in un campo di carciofi vicino casa mia con una signora di nome Mirella e suo marito, in cambio ricevevo la possibilità di guardare da vicino conigli e tortore e nelle giornate più fortunate riportavo a casa anche qualche cesto d’insalata. L’orto sfortunatamente confinava con il campo di calcio del paese frequentato da diversi bulli teste di cazzo e il fatto che a dieci anni passassi lunghi pomeriggi con le mani incrociate dietro la schiena a camminare tra le rape insieme a una anziana signora mi fece guadagnare diverse prese di culo a scuola. Ma questa è la vita.

Ad ogni modo, certe volte, mentre io e Mirella camminavamo, capitava che verso fine sera le uscissero delle massime che mi sono rimaste appiccicate addosso per tutta la vita. E ricordo ancora oggi quel giorno in cui, dopo avermi visto sputare un pezzo di mela a cui avevo dato un morso mi disse.
– Vedi, c’è qualcosa di peggio che mordere una mela e trovarci un baco dentro.
La guardai con un punto interrogativo disegnato in faccia e lei continuò dicendo: – Avresti potuto trovarci mezzo baco.
Ecco, in quel momento non lo sapevo, ma quel misto di cinismo e saggezza contadina lo avrei dovuto applicare a tutte le cose della vita, perché in molte cose che ho fatto mi è capitato di lamentarmi senza mai pensare che sarebbe potuta andarmi peggio e che mi sarei potuto ritrovare mezza carcassa di baco giù per l’esofago.
Oblivion, il nuovo film con Tom Cruise che potete andare a vedere nella scintillante multisala di Novoli è un film a cui applicare questa filosofia non servirà a niente, perché non è solo uno sparafrulla senza senso con uno dei peggiori attori del 900, ma è uno sparafrulla senza senso con uno dei peggiori attori del 900 che dura ben 156 minuti.

Ps la massima contadina viene citata anche in un oroscopo dell’astrologo Rob Brezsny su un Internazionale di qualche anno fa, il che mi fa pensare che la mia vicina di casa si sottovalutasse e che San Mauro a Signa e San Francisco sono più vicine di quanto in realtà si pensi.

(Visited 66 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Michele Arena

Interessato a tutto ciò che è Indie, ma soprattutto alla musica e al cinema, lavora come Operatore sociale a Campi Bisenzio. Il suo sogno è tenere una lezione al DAMS su Notthing Hill.