Avete presente quando vi alzate la mattina con quella sensazione di vuoto, di mancanza? E non vi è chiaro come riempire questa lacuna, questa uggiosità dispettosa… Be’, l’altro giorno, invece, mi si è manifestata netta la voglia di leggere qualcosa di letteratura, di buona letteratura. Aiuto! La mia mente necessita di grande letteratura! Così mi è venuto incontro questo racconto di Erri De Luca…

In un contesto naturale, fra i silenzi della montagna, la sfida fra il capo branco dei camosci e un vecchio cacciatore. L’animale, dall’animo e dall’intelligenza quasi umana, e l’uomo, dal cuore e dall’istinto quasi animalesco, si affrontano fra le rupi, i larici, le doline ed i ghiaioni carsici. Testimoni del duello la montagna e i suoi attori, fra cui capeggia il volo imperscrutabile dell’aquila. Questa sfida solitaria e rarefatta, fra due mondi lontani che spesso si calpestano e che quasi mai si comprendono, è il tappeto vellutato nel quale si adagia questo pezzo di grande letteratura. Scarno, ma non arido, pungente e riflessivo, con la suspense di un noir, la penna dello scrittore, senza un tecnicismo di troppo, racconta questa sorta di fiaba amara donandoci il gusto della grande scrittura.

Sopravvissuti a fatica al naufragio dovuto a tutto il ciarpame che affolla gli odierni banchi di pseudo-librerie, vedrete come sarà gustoso rientrare nel sicuro porto dei classici.

Edizione commentata

Erri De Luca, Il peso della farfalla, Feltrinelli Editore, Milano, 2009

(Visited 102 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it

TESTTTTTTTTT

Boom!