Con tutti questi pianeti in Cancro alternerete momenti di follia ad altri di chiusura. Dovrete essere meno orgogliosi e fare luce sui vostri stati d’animo.
Ancora concentrati su vostre esigenze fisiche e impegnati in cambiamenti radicali; siete in piena luna di miele coi vostri cari. Vi gioverà cantare e suonare.
La vostra vitalità si sprigiona tra Firenze e infinite destinazioni. Mercurio, in Cancro, comincia a farvi ripensare al passato; altri pianeti suggeriscono di esplorare più a fondo persone e cose, per capirle.
Giove entra nel vostro segno e dovrebbe disporvi a sentire più intensamente i vostri stati d’animo. Guardarvi in faccia, voi dominati dalla Luna, sarà come osservare le fasi lunari.
Siete tentati dall’intromettervi in questioni sostanziali che riguardano qualcuno che vi sta a cuore. Nel farlo non siate plateali come vi verrebbe, ma chirurgici.
I pianeti si stanno ponendo in posizioni più rilassanti anche per voi. Rimane Marte a trascinarvi in piccole e grandi polemiche quotidiane. Troverete anche momenti per rilassarvi.
Ultime occasioni per incontri, novità, frivolezze varie ed eventuali (in mezzo a problemi che continuano a mettervi a dura prova).
State passando a una dimensione più profondamente vera; i pianeti si stanno collocando in modo a voi favorevole, può anche cominciare una nuova vita.
Di fronte a persone dure d’orecchi o che non sono disposte ad ascoltarvi, AstroloGhetti insiste nel proporvi il linguaggio non verbale.
La vostra ambizione ora rischia di diventare solo arroganza. Giove in Cancro vi si oppone ed esige di riconoscere i vostri e gli altrui sentimenti.
Sempre presi da legami troppo coinvolgenti per voi, non vi manca l’energia vitale per fare nuove e importanti conoscenze e portare a buon fine iniziative commerciali.
Mercurio, Venere e adesso anche Lilith in Cancro vi portano armonia, vivacità e risorse nascoste in casa. Non è finita la tensione comunicativa con Marte in Gemelli. Urge un cambiamento radicale.
(Visited 58 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Enrico Ghetti

Nato a Firenze nel marzo 1971, degli anni della formazione ciò che ricorda più volentieri è il Liceo Classico Galileo, dove ha avuto modo di conoscere molti dei suoi amici più cari, più stimolanti e più originali con cui ha coltivato negli anni varie passioni artistiche: la sua soddisfazione più grande ad oggi è stata recitare come attore protagonista in DepressOne, un paradossale spot per un farmaco prodepressivo; gli piace molto anche fare musica (suona la chitarra); verso i trent’anni ha incontrato l’astrologia e ne è rimasto profondamente affascinato. Negli ultimi anni ha scoperto che scrivendo può comunicare molto di più che parlando; comunque, se opportunamente stimolato, parla pure e, talvolta, anche di sua iniziativa.