domenica 24 marzo ore 16:30

Palcoscenico della Toscana
Associazione Favolanti – Teatro di Buti

uno spettacolo di e con ELISABETTA SALVATORI

al violino Matteo Ceramelli

Chi l’ha detto che una valigia si può riempire solo di abiti e oggetti? C’è chi riesce a riempirla di storie, raccolte in giro per il mondo. E’ un piccolo miracolo teatrale quello inventato da Elisabetta Salvatori con il suo spettacolo In viaggio, storie in valigia, per sedurre ed emozionare bambini e adulti all’insegna della poesia e della sorpresa.

Dal suo bagaglio magico, estrae fiabe e ognuna di esse è un piccolo teatrino, uno stanzino incantato, e di valigia in valigia il palcoscenico si riempie di nuovi quadri preziosamente accurati e colorati, piccole scenografie realizzate dalla Salvatori stessa fatte di stoffe, legno, gommapiuma, materiali di recupero.
Chi narra è una viaggiatrice che, nel suo andare per il mondo, ha conosciuto tante storie e per non dimenticarle le ha chiuse in valigia per poi poterle narrare un giorno. Sei semplici storie che parlano di valori universali come l’amicizia e l’amore, inventate dall’autrice-narratrice o rielaborate da Esopo, Collodi, Rodari, Saramago.
C’è il lupo raffreddato che non sente gli odori e, al buio, diventa amico di una pecorella e lo rimarrà anche alla luce del sole; un uomo semplice che sogna con così tanta forza di scovare una nuova isola che alla fine ci riesce; una fantasmina e un pipistrello in una tenera storia d’amore tra una “lei” tutta bianca e un “lui” tutto nero; il topolino Armando che scopre il mondo grazie a un sasso che gli cade in testa e fa un buco nel soffitto della sua tana e c’è anche Pinocchio, “interpretato” dalla gamba dell’attrice, e sintetizzato in pochi esilaranti minuti.
La accompagna in scena Matteo Ceramelli al violino.

Per info:  055 4220361/2

ingresso € 8
Punto Box Office: dal lunedì al sabato ore 16-19
Teatro di Rifredi via Vittorio Emanuele II, 303 – 50134 Firenze
www.toscanateatro.it

 

(Visited 139 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it