Manca circa un mese al primo appuntamento internazionale, con i test match autunnali, dove gli Azzurri andranno ad affrontare tutte squadre posizionate sopra l’Italia nel ranking internazionale.

Inizieremo l’11 novembre contro le isole Fiji. Partita già di per se particolare visto che ha avuto qualche problema per trovare una sede. Dopo qualche vicessitudine, torna il rugby azzurro in Sicilia visto che verrà giocata a Catania.
Secondo appuntamento il 18 novembre a Firenze, come già accennato, contro l’Argentina. L’Artemio Franchi continua ad essere una meta ambita di tutte le organizzazioni rugbystiche e magari una seconda vittoria sullo stesso campo potrebbe spianare la strada in quella direzione.
Terza ed ultima partita sarà giocata il 25 novembre a Padova contro il Sud Africa. Gli Azzurri ripeteranno l’impresa?

Già da qualche giorno la Federazione Italiana Rugby ha dato notizia delle prime convocazioni, 34 giocatori sono la prima scelta di O’Shea dai quali dovrà fare una scrematura per andare a creare la rosa definitiva.
È con sommo piacere che notiamo un grosso numero di atleti provenienti da Zebre e Benetton Rugby, le ultime prove delle due squadre sono state convincenti se non guardiamo la pessima prova dei bianco neri al loro esordio in Challenge Cup contro la francese Agen dovuta a forse troppi esordienti in campo e decisamente eccessivo nervosismo.

Tornano a farsi vedere giocatori dal campionato di Eccellenza tra i convocati, questa volta dalle Fiamme Oro e non possiamo non notare il basso numero di equiparati rispetto ai giocatori italiani.
Decisamente qualcosa sta cambiando, quantomeno nelle politiche della FIR.

(Visited 55 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.