Che il Italia il rugby è donna è oramai un dato di fatto, ben troppo scarsi sono i risultati della nazionale maggiore con la lunga fila di parite consecutive perse nel 6 Nazioni e l’imminente non promette chissà che risultati. Il rugby maschile italiano si trova a guardare anche troppo spesso alle squadre Under 20 che qualche soddisfazione ce la tolgono. I motivi sono stati più e più volte sviscerati ma il problema resta sempre lì gli Azzurri faticano a fare quei passi avanti nella qualità di cui avrebbero bisogno.

Fatto sta che l’anche troppo bistrattato rugby femminile ci ha regalato un secondo piazzamento raggiunto la scorsa edizione del 6 Nazioni di categoria, risultato neanche mai sognato dai colleghi maschi, con tanto di riconoscimento come allenatore dell’anno a Di Giandomenico. Insomma le Azzurre hanno portato a casa i risultati che tanto mancano al movimento rugbystico italiano e la conseguente crescita del numero di appassionate non ha tardato a farsi vedere. Lezione che i maschietti dovrebbero imparare anche se il compito è ben più arduo.

Arriva però adesso la parte veramente difficile: La conferma. L’ultimo test match ha visto le Azzurre pareggiare con le Brave Blossoms e anche se il Giappone è la nazione del momento soprattutto dopo i mondiali, è un risultato che non ha esaltato sia la stampa che gli addetti ai lavori e una certa cautela è percepibile nelle varie dichiarazioni lasciate alla stampa.

Di Giandomenico è, fortunatamente, rimasto con i piedi per terra e si dice tranquillo e pronto a procedere con il suo lavoro. Ha intanto redatto la lista delle convocate che affronteranno le gallesi la prossima domenica per poi prepararsi a tutti gli impegni successivi. Il 2021 vedrà il mondiale femminile in Nuova Zelanda e la qualificazione potrebbe essere un obbiettivo da centrare.

(Visited 85 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.