Giocato finalmente l’ultimo test match di preparazione per i mondiali e gli Azzurri hanno affrontato la corrazzata inglese in terra di Albione. Nonostante entrambe le formazioni molto sperimentali, considerato anche  Parisse e Ghilardini a riposo sugli spalti, l’Inghilterra ha mostrato comunque il suo gioco estremamente fisico che, quantomeno per il primo tempo, l’Italia ha mostrato di sapere e volere arginare visto il disastroso risultato con l’alto numero di infortunati nello stesso scontro nello scorso Sei Nazioni.

Solo un tempo. Niente di più vero. L’Italia ha arginato l’assalto inglese e si è mostrata propositiva in attacco soltanto per i primi 40 minuti andando a chiudere la prima frazione di gioco con un inaspettato 9-0 a favore dei padroni di casa che, pur di portare punteggio in cassa, approfittavano di calciare a ogni occasione.
Segnale di un certo nervosismo nelle file inglesi, forse, oppure voglia di chiudere velocemente il match. Fatto sta che l‘Inghilterra ha decisamente cambiato marcia nel secondo tempo e approfittando di un vistoso calo di attenzione nonché fisico azzurro, si sono involati alla vittoria lasciando l’Italia a zero punti.

37-0 è un punteggio che fa male ma va detto:  Conor O’Shea non si perde d’animo e afferma che se tale intensità di gioco fosse stata mostrata contro la Francia quella partita sarebbe stata vinta. In altre parole le carte ci sono a suo avviso.
A questo punto non resta che vedere se ha ragione o no nei primi impegni del mondiale, ovvero contro Namibia e Canada. Logicamente l’ombra del dubbio continua a esserci e la sconfitta di ieri certamente non aiuta a sciorglierlo visto che l’Italia è una squadra che ha bisogno disperatamente di vittorie, di risultati.

A questo punto lo sguardo si volge verso il Giappone dove, il prossimo 20 novembre avrà inizio il torneo iridato. Fortunatamente le televisioni di stato italiane sono riuscite a garantirsi la trasmissione di gran parte del torneo e, nonostante gli orari proibitivi a causa del fuso orario, potremo godere delle azioni dei nostri beniamini comodamente seduti sul nostro divano.

 

Materiale fotografico da Ufficio Stampa FIR

 

(Visited 43 time, 4 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.