Il Kebab o “carne arrostita”, è un piatto, a base di carne, di origine turca, ormai molto diffuso nelle nostre città.

Un piatto unico, dove nella piadina (come nel più famoso dürüm kebab) viene racchiusa della carne arrostita, di manzo o di pollo, con insalata, cipolla, pomodori e delle patatine fritte, accompagnate con salse, tra cui anche quella piccante.

Anche io mi sono voluto cimentare nella creazione della versione italiana di questa specialità, usando però la carne macinata (utilizzata in tutta la penisola per sughi, hamburger ed altre pietanze). Inoltre ho voluto cuocere la cipolla con aceto, olio e acqua, per renderla agrodolce, e, a mio gusto, per esaltare meglio il sapore della carne.

Questa è la mia ricetta per 2 Kebab italiani:

Carne macinata 500g
Insalata qualche foglia
Pomodori 2 pomodori oblunghi rossi
Cipolla bianca 2

Spicchi d’aglio 2
Patate fritte 100g
Maionese 2 cucchiai
Piadina 2
Vino e Aceto mezzo bicchiere

Sale pepe e spezie varie q.b.

Cuocete la carne macinata in una padella con un filo d’olio evo e i due spicchi d’aglio, eliminandoli quando saranno rosolati. Aggiungete la carne macinata, le spezie che più preferite e mezzo bicchiere di vino rosso. Fate cuocere e togliete dai fornelli quando la carne avrà assorbito tutto il liquido di cottura.

Tagliate la cipolla a julienne e fatela cuocere in una padella anti aderente, sfumandola con mezzo bicchiere di aceto bianco e acqua. Fate cuocere per almeno 30 minuti, fino a che la cipolla diventa molto morbida. Aggiungete acqua, se necessita, ma toglietela del fuoco quando comunque avrà assorbito tutto il liquido.

Prendete la piadina e riscaldatela in padella da ambo i lati. Toglietela, posatela su un piatto, e spalmateci un cucchiaio di maionese, la carne macinata, l’insalata, i pomodori, le patate fritte e la cipolla, richiudete il tutto e buon appetito!

Se non avete la piadina, usate un tondone, il kebab italiano così diventerà un perfetto piatto della tradizione fiorentina.

Da bere… un bel chianti giovane vi aiuterà a gustare un piatto semplice e gustoso.

Buon appetito e come sempre fatemi sapere

(Visited 502 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.