La Cupola si vede dal ponte sul Bisenzio della Circonvallazione nord di Bisenzio e scendendo dalla Bolognese, subito dopo Trespiano all’improvviso dopo una curva a 90°. Si può addirittura toccare dalla terrazza del Bar della Rinascente in piazza della Repubblica e dalla vetrata del Caffè della Biblioteca delle Oblate. La Cupola è dappertutto. Ti compare davanti quando meno te l’aspetti. Pare che Neil Armstrong sia sceso per primo sulla Luna perché Buzz Aldrin si era distratto un attimo credendo di aver visto la Cupola del Duomo di Firenze. Ognuno si scelga la su personale visione della Cupola, adattandola anche alle stagioni ed al proprio stato d’animo, ma se una non ti basta e vuoi vedere anche i suoi dintorni perbenino allora devi salire al giardino di Villa Bardini. L’ingresso è in cima a Costa S. Giorgio. Si può entrare anche da basso, da via dè Bardi, ma la prima visione deve essere dall’alto e poi un po’ te la devi sudare. E sudare è il modo migliore (sempre) per accompagnare la tua immaginazione. E poi non ti perdi (e questa non è immaginazione) la visione all’improvviso, all’intersezione con Costa Scarpuccia, della Cupola nascosta dietro la Torre di Arnolfo. La salita della Costa S.Giorgio è dura. Prima di intraprenderla, se sei un pigrone, puoi convincerti che ce la puoi fare bevendo un buon bicchiere di vino all’enoteca Le volpi e l’uva in piazzetta dei Rossi. Se è la tua giornata fortunata puoi incontrare anche Pasqual, il capitano della Fiorentina, che ha scelto di star di casa proprio lì vicino. Anche Massimo Troisi nel suo Ricomincio da tre scelse che lì ci doveva star di casa la sua donna. Hai bevuto il vino, hai visto Pasqual, hai ricordato Massimo ed ora non ti resta (che rimpiangerlo) che entrare nel giardino della villa Bardini. La villa Bardini è un museo molto importante. Il suo giardino è bellissimo, mozza il fiato. Scegli la postazione migliore per vedere la Cupola e Firenze tuttintorno. Non avere fretta e ricordati che ci puoi anche tornare. La primavera esiste ancora. E’ tutta qui sotto di te che sta per fiorire: l’iris lungo la scalinata barocca, le ortensie all’ombra del pergolato di glicini, il pergolato delle rose, il prato delle azalee, il giardino delle peonie e delle camelie, ed il giardino Firenze con la sua Cupola di S. Maria del Fiore.

Dimenticavo…

Durante le fioriture apre sul belvedere anche il caffè sotto il porticato ed è più bello perdersi nei vialetti del bosco e rinfrescarsi guardando il canale del drago. Nel prezzo del biglietto è compresa anche la visita al Giardino di Boboli (l’entrata è lì vicino).

Richiesta di chiarimento a Buzz Aldrin

“Ma te dalla Luna avevi visto la Cupola o il giardino della Villa Bardini?”

(Visited 97 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.