Voi vivete intensamente il presente, ma i pianeti in Cancro vi costringono a tuffi anche profondi nel passato. Si fa sentire Urano: iniziate o smettete di fare qualcosa.
Saturno torna a muoversi in avanti nell’opposto Scorpione, riportandovi a uno sforzo volto a un cambiamento anche radicale, in collaborazione con l’amore razionale e a volte razionato di Venere in Vergine.
Magari non avete più la verve degli ultimi tempi; tra una settimana Venere, entrando in Vergine, può portarvi nervosismo in campo affettivo.
I pianeti vi infondono molta forza (ora anche Marte è nel vostro segno) per esprimere pienamente il vostro modo di essere. Siate anche perentori nell’affondare i colpi.
La presenza di Cerere nel vostro segno vi rende fecondi in tutti i sensi. Saturno e Urano potrebbero indurvi a prese di posizione molto forti sul lavoro.
Ecco un segno che dopo mesi abbastanza stressanti potrebbe vivere la nascita di rapporti sentimentali anche importanti e durevoli.
Per voi sempre attenti alla giusta misura si affacciano tumultuosi i moti dell’animo. Inoltre Urano continua a spronarvi a prendere iniziative personali anche di rottura.
Saturno marcia avanti nel vostro segno e voi affondate i colpi con la grinta di un Marte a voi adesso favorevole; attenti a non colpire voi stessi com’ è nella vostra natura.
Anche voi donne di questo segno, spiriti perlopiù nomadi, potreste essere trascinate da Marte e Giove (vostro pianeta dominante) in Cancro a un desiderio di maternità.
Intenti nella vostra scalata, Marte dal Cancro vorrebbe imporvi di aspettare gli altri più giù, ma Saturno e Urano potrebbero suggerirvi anche di proseguire da soli.
L’ingresso del Sole in Leone esige di trattare con più generosità e calore le persone che amate; anche Saturno in Scorpione vi chiede più passione.
Con questi pianeti potete iniziare a cambiare la vostra vita o iniziarne una nuova; anche Saturno lavora per infondervi più tenacia per portare avanti i vostri progetti.
(Visited 89 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Enrico Ghetti

Nato a Firenze nel marzo 1971, degli anni della formazione ciò che ricorda più volentieri è il Liceo Classico Galileo, dove ha avuto modo di conoscere molti dei suoi amici più cari, più stimolanti e più originali con cui ha coltivato negli anni varie passioni artistiche: la sua soddisfazione più grande ad oggi è stata recitare come attore protagonista in DepressOne, un paradossale spot per un farmaco prodepressivo; gli piace molto anche fare musica (suona la chitarra); verso i trent’anni ha incontrato l’astrologia e ne è rimasto profondamente affascinato. Negli ultimi anni ha scoperto che scrivendo può comunicare molto di più che parlando; comunque, se opportunamente stimolato, parla pure e, talvolta, anche di sua iniziativa.