Coelho2Riducendo all’essenziale i termini della questione, ci sono solo due variabili importanti per scrivere un buon libro: la tecnica e l’idea. La tecnica è imprescindibile; la padronanza della grammatica, un lessico adeguato, l’equilibrio nel paragrafo, il registro, tutto questo non sarebbe però sufficiente se a monte non ci fosse una idea almeno buona. E all’interno del concetto di idea ci metterei anche e soprattutto l’originalità. Se manca infatti questo aspetto potremmo trovarci davanti ad uno scritto impeccabile da un punto di vista formale, ma assolutamente banale e noioso.
Detto questo, il romanzo in questione si porta dietro senz’altro entrambi i fattori appena esposti.
L’originalità sta nella confezione del racconto che parte da una serie di interviste che, tutte insieme, raccontano la storia di Athena, una giovane ragazza libanese cresciuta però a Londra, che si incammina verso la purificazione dell’anima. Strumento principe di questa catarsi è la danza attraverso la quale Athena riesce a liberare lo “spirito” della Madre, quella energia ultima che risiede dentro ognuno di noi. A questo punto c’è chi la taccia di essere una strega e di cospirare in esoteriche sette sataniche, ma la risposta di lei sarà particolare ed inaspettata.
Il racconto è infine vissuto dal punto di vista dei testimoni, ognuno con la sua propria caratteristica, e viene portato avanti con una certa suspense quasi fosse un giallo; e come tale, in ultimo, un colpo a sorpresa vi farà sobbalzare dalla vostra lettura.
Diverso dal solito, da leggere.

Paulo Coelho, La strega di Portobello, Bompiani, Milano, 2007 (Edizione commentata)

(Visited 108 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it