Il Sole e Marte, dall’Ariete dove erano, sono appena entrati in Toro, segno a cui corrisponde, tra le altre cose, anche il rapporto col cibo: il primo segno di terra ama mangiare come Dio comanda. Quindi, potreste eliminare le tossine accumulate negli ultimi giorni di Sole in Ariete, concedendovi una gitarella in campagna, con passo domenicale, fermandovi inevitabilmente a mangiare in qualche trattoria a prezzi modici. Potrebbero rispuntare fuori i corteggiatori col mazzo di rose in mano, pronti anche alla serenata, viste le propensioni canore del Toro; dato, poi, che Venere sta transitando pure lei in questo che è il segno dello zodiaco più propriamente sensuale e fisicamente legato alla natura, la donna sarebbe portata a gradire questi segni di attenzione. Solo che al pianeta della femminilità si oppone in questi giorni Saturno in Scorpione: si genera allora una tensione tra desideri fisici e necessità di nascondersi e il corteggiamento può essere complesso e annodato quanto le trattative per la formazione di un governo in Italia.

Tornando invece a Firenze, la congiunzione tra Mercurio e Urano in Ariete, entrambi in buon rapporto con Giove in Gemelli, suggerisce che la settimana che inizia sarà piena di vivacità, di idee nuove da realizzare, di nuovi progetti commerciali. Bisogna uscire allo scoperto con la propria idea.

 

(Visited 29 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Enrico Ghetti

Nato a Firenze nel marzo 1971, degli anni della formazione ciò che ricorda più volentieri è il Liceo Classico Galileo, dove ha avuto modo di conoscere molti dei suoi amici più cari, più stimolanti e più originali con cui ha coltivato negli anni varie passioni artistiche: la sua soddisfazione più grande ad oggi è stata recitare come attore protagonista in DepressOne, un paradossale spot per un farmaco prodepressivo; gli piace molto anche fare musica (suona la chitarra); verso i trent’anni ha incontrato l’astrologia e ne è rimasto profondamente affascinato. Negli ultimi anni ha scoperto che scrivendo può comunicare molto di più che parlando; comunque, se opportunamente stimolato, parla pure e, talvolta, anche di sua iniziativa.