Fuori da tutte le coppe, a nove punti dall’ultimo posto disponibile per tornare in Europa e con una Piazza che non vede l’ora di voltare pagina: la stagione della Fiorentina, a inizio marzo, sembra ormai non avere più molti stimoli.

Mancano undici giornate alla fine del campionato, ci sono potenzialmente trentatré punti in palio, ma la voglia di guardare – da qui a fine maggio – un’altra partita dei Viola, ha lo stesso sapore entusiastico di quando a otto anni aspettavi sotto l’albero di Natale l’ultimo modello degli Sbullonati. E poi magicamente ti ritrovavi come regalo un libro sugli antichi Romani.

Per tutti questi motivi, perché la vostra assoluta apatia sul campo non fermerà la nostra insanabile voglia di polemica, ecco un elenco aggiornato di cose che potrebbero (perfino!) essere più entusiasmanti delle ultime partite di Paulo Sousa sulla panchina della Fiorentina:

le Lollipop; Massimo Di Cataldo; Grignani sobrio; Massimo Giletti; Alessandra Moretti; Tello sulla fascia destra; il vhs con le migliori giocate di Savio Nsereko; un dibattito tra Emanuele Fiano e Michaela Biancofiore; un dibattito tra Emanuele Fiano e Michaela Biancofiore, con Maurizio Belpietro come moderatore; un monologo di Emanuele Fiano; Cosmopolis di Cronenberg; Scemo e più scemo inizio così; la terza maglia dell’Inter; Idris che esulta; Fabio Volo che intervista Andrea Scanzi; Andrea Scanzi che intervista Fabio Volo; Il Volo live at Bombay; Samantha De Grenet senza tette; Mendieta alla Lazio; il Ceccherini che presenta Sanremo; Da Costa pagato 4,5 milioni; avere Mattia Destro al fantacalcio; le Crocs; indossare in inverno Birkenstock e calzini; la canottiera da uomo che si intravede sotto la cambia a maniche corte; Silvia Toffanin; Saverio Tommasi.

Se poi indossate Crocs, ascoltando Massimo Di Cataldo e sostenendo che Cosmopolis sia un film interessante – e magari avete anche comprato Destro al fantacalcio – allora vi meritate Selvaggia Lucarelli.

(Visited 109 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Paul Popol

C’è solo una cosa che “odia” più dei carciofi: la Juve.