Bar pasticceria Tonarelli, piazza della Stazione 19 r

Chissà quante volte andando a prendere un treno di prima mattina sarete passati davanti alla stazione e come me vi sarete chiesti:
Perché questo posto è così squallido?
Perché tutto qui intorno è grigio e sa di vagone ribollito?
Ma soprattutto: perché nelle stazioni non c’è mai un bar decente?
Oggi vi voglio dare una speranza dicendovi che anche nello squallore autoferrotranviero si può fare una dignitosa colazione uscendo solo di pochi passi dai binari.
Davanti all’ingresso principale della stazione, dove fino a poco fa sorgeva l’orrida pensilina, c’è il bar pasticceria Tonarelli.
Il locale è datato ma la qualità e varietà dei prodotti ripaga questa svista.
Qui se ci capitate dopo le 8.00 forse vi toccherà fare tre code: una alla cassa, una al banco delle paste e una per il cappuccino ma date retta a me: merita.
Infatti se decidete, a vostro rischio e pericolo, di fare colazione dentro la stazione farete ugualmente la coda ma vi ritroverete con in mano la peggiore colazione d’autogrill che esista.
Qui invece superata la calca vi aspetta una pasticceria sempre molto fresca e di buona qualità ma soprattutto avrete l’imbarazzo della scelta tra sfoglie e brioche a tutti i gusti.
Il cappuccino viene servito sempre ben caldo e con una schiuma bella densa e anche il caffè macchiato è di tutto rispetto.
L’unica nota dolente è forse il personale che dato l’afflusso continuo di persone è restio alla conversazione come gli operai alla catena di montaggio ma se per primi sfoderate ampi sorrisi e sparate una trentina di “grazie” a caso anche la signora alla cassa, la più difficile da conquistare, vi concederà un bonario cenno della testa.
Il prezzo: cappuccino + brioche 2,40€
Il pezzo forte: la pulizia del locale che mi ha spinto più volte a scegliere paste ripiene di creme cosa assai rischiosa o nociva nei bar dentro la stazione.

(Visited 59 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Carlotta Ansaldi

Frutto dell’unione tra San Niccolo’ e la Colonna, nata per il Capodanno fiorentino vivo in Oltrarno… piu’ fiorentina di me forse c’e’ solo la bistecca.
Amo tanto gli animali, i libri, i miei tanti studenti e il mio lavoro di Archeologa per bambini ma la mia vera grande passione sono cappuccino, pasta e cronaca di Firenze rigorosamente al bar!