Macaroni0001A volte i libri sono come un rifugio sicuro e noi lettori come una nave che ripara dalla tempesta in un porto ben protetto.

A volte i libri sono come un caminetto che ti scalda perfino l’anima e ti ammalia con il suo instancabile crepitare.

A volte questi libri li scrivono a quattro mani personaggi a prima vista lontani come uno scrittore e un musicista.

A volte questi libri hanno dentro come una colonna sonora che ti accompagna nella lettura.

Questa jam session fra Guccini e Macchiavelli nasce subito con una caratteristica positiva: è ricca di tutte le note sopra esposte.

Siamo in un non meglio precisato paesetto di montagna dell’Appennino Tosco Emiliano. Fra la neve e i profumi del bosco e dei caminetti, fra le stradine coperte di muschio e i fumi dell’unica osteria si svolge la vita monocorde dei rudi uomini di montagna, chiusi e di poche parole che vivono seguendo i ritmi della natura.

Ma, dove meno te lo aspetti, ecco che nasce una storia intricata, che parte da lontano, con gesta efferate e rancori che aspettano pazienti la loro vendetta. Quattro morti ammazzati, un maresciallo, una contessa e la gente del popolo animano questo eccellente quadro di vita montana.

Una storia complicata e ostacolata dalla natura del posto e dalla natura malsana dell’assassino e dove solo la caparbietà di un umile servitore della Benemerità riuscirà a venirne a capo.

Una ricostruzione perfetta delle atmosfere di montagna, una storia avvincente e più colpi a sorpresa riescono a costruire veramente un ottimo libro.

Edizione commentata

Francesco Guccini Loriano Macchiavelli, Macaoni, Mondadori Editore, Milano, 1997

(Visited 87 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it