Mar mortoSi entra bagnati fino al midollo, col sale che ti appiccica i capelli e la paura di morire ancora nel cuore; cosa può confortare di più se non una calda osteria, un buon bicchiere di vino e un pasto caldo? Allora, solo allora, può confortare l’anima, dopo che il corpo è sazio e ristorato, quel dolce cullare di suoni che solo i racconti di mare possono dare.

I vecchi pescatori rientrano trascinando il peso di mille avventure; dalla frustante bonaccia all’impetuosa della tempesta. Se a raccontare sono i marinai dei saveiros brasiliani del golfo di Bahia, tutto acquista una musicalità particular. Ogni ruga, ogni solco del viso bruciato dal sole ricorda un pericolo scampato.

E in questo diario di mare un posto di primo attore è lasciato a Guma il giovane che col suo saveiro ha salvato un piroscafo dal naufragio. Lui ha sfidato la tempesta e la notte facendosi beffa di Iemanjà, la donna d’acqua, che porta con sé gli uomini di mare. Ma non è ancora il suo tempo. Così raccontano di lui come si racconta della mulatta Rosa Palmeiro che vive nelle bettole e che ha un pugnale nel reggiseno, che beve come una spugna e che si batte nelle risse di porto come un leone. E il movimento lento della risacca, con i suoni dei rammendatori di rete si confonde con le storie del vecchio Francisco, che è l’unico che ha visto Janina (altro nome della donna d’acqua) e non è stato portato nelle profondità dell’oceano.

Tutto il libro ripete le gesta di questa popolazione di fiume e di mare, fra lutti, bevute, risse e tanto amore. Storie di incontri di un attimo o di una vita, fra miseria e sogni inarrivabili. Su tutto la magica armonia delle parole e del dondolio del mare, in una miscela di magia e di mistero che solo nei vecchi porti di una volta si può ormai ritrovare.

Edizione commentata

Jorge Amado, Mar morto, Arnoldo Mondadori Editore, Milano, 1985

(Visited 83 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Filippo Papini

Nato a Firenze (qualche tempo fa) dove vive e lavora. Laureato in Lettere, ha pubblicato i testi teatrali Tutti mi vogliono, tutti mi cercano, La danzatrice dal ventaglio nero, È quasi ora, Le perdute parole; un poliziesco Giallo mare; una raccolta di poesie Osè e una serie di articoli per riviste di nautica. Nel 2011 ha contribuito alla nascita dell’associazione culturale Arseniko. www.arseniko.it

TESTTTTTTTTT

Caino