Lunedì 3 luglio
Finisce, non proprio in gloria, Non uccidere 2. Lo share è basso ed è questo che conta. Si dice che sia la pubblicità a pagare, per esempio, lo stipendio di Fazio, ma evidentemente non quello della Leone alias commissario Ferro. Comunque la scorsa settimana abbiamo seguito un episodio. Ci è parso un po’… buio. Temptation Island vola già alto. Partecipa anche una coppia pescata da “Uomini e Donne”. Solite facce in trasmissioni diverse, un programmone unico che li contiene tutti. Su Rete 4 alle 23.35 − e questa è pura cattiveria − c’è il film The Doors di Oliver Stone, la biografia di Jim Morrison morto esattamente 46 anni fa. Rai Uno, alle 23.10, trasmette la nuova stagione di Fuori Luogo, con il geologo Mario Tozzi. Stasera, o meglio stanotte, si parla dei Campi Flegrei e della possibilità che presto esplodano.

Martedì 4 luglio
Su Rai Uno prime due puntate di The Halcyon, fiction inglese ambientata nel 1940 nell’hotel omonimo. In Inghilterra la serie è stata chiusa dopo la prima stagione perché la guardavano in pochi. Da noi meno le guardano e più continuano. Su Rai Due c’è MacGyver, che ci pare un po’ datato, e a seguire Hawaii Five-0. Canale 5 manda in onda il Wind Summer Festival, diverso dal “Wind Music Awards” solo perché non conducono Conti e la Incontrada bensì la Marcuzzi. Così nessuno potrà accusare la presentatrice di essere troppo curvy.

Mercoledì 5 luglio
Su Rai Due ventesima stagione di Squadra Speciale Cobra 11, la serie che sfascia più macchine in assoluto. “Chi l’ha visto?” è finito ma stasera c’è Speciale Chi l’ha visto?, prima di cinque serate dedicate ai casi irrisolti. Come dire, niente si distrugge ma tutto si ricicla. Su Rai Movie Arrestatemi, un thriller francese con una donna che confessa di aver ucciso il marito violento. Protagonista un mito della nostra giovinezza: Sophie Marceau. Su La7 in prima serata I tartassati, capolavoro con Totò, Fabrizi e Luis de Funes. Ecco, qui si vede la grandezza del terzo polo.

Giovedì 6 luglio
Su Rai Uno la fiction spagnola Velvet. Non bastavano le nostre… Rai Due, a corto di idee, propone ancora Squadra Speciale Cobra 11, mescolando 21esima e 19esima stagione. Su Rai Tre il film drammatico Timbuktu: un pastore del Mali e la sua famiglia che cercano di sfuggire al fondamentalismo islamico. Si può vedere. E invece non si può vedere lo share di una roba come The Winner is, che sfiora il 17%. Fenomeno inspiegabile come i poltergeist e gli UFO.

Venerdì 7 luglio
L’estate televisiva sta spopolando. Su Rai Uno Sister Act 2, film per tutte le stagioni. In genere lo vediamo a Natale. Su Italia Uno Operazione vacanze con Jerry Calà. Su La5 Piccolo grande amore con Raul Bova e Barbara Snellenburg (?). Detto del peggio, sono quasi guardabili Wall Street (Iris) e Steve Jobs (Canale 5). Trovatevi però lo spazio per Blue Bloods su Rai Due alle 22.50. Una delle serie migliori.

Sabato 8 luglio
Rai Uno trasmette Una voce per Padre Pio, serata di solidarietà e musica. Presentano Alessandro Greco, in cerca di redenzione dopo “Furore”, e Lorena Bianchetti, indiscussa star dei programmi religiosi in Rai. Su Rai Tre Totò, Peppino e la malafemmina, insuperabile capolavoro che tutti hanno già visto ma che tutti rivedono sempre. Della stessa categoria fa parte anche Ritorno al futuro, su Italia Uno. E anche TV 8 vuol dire la sua con Il favoloso mondo di Amélie. Rai Due, la rete anticonformista, non si allinea e trasmette Il gioco della follia, uno dei mediocri gialli estivi che sono il marchio di fabbrica stagionale della rete.

Domenica 9 luglio
Finalmente. Finalmente. Su Rai Due c’è Criminal Minds Beyond Borders. Non è l’originale ma è pur sempre come una boccata d’aria fresca dopo aver attraversato i viali di Firenze in bicicletta in un giorno d’estate. Finalmente.

(Visited 119 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.