Pasticceria Mignon, via guelfa 24r – www.mignonfirenze.it

Martedì mattina sotto un cielo bigio come quello di Parigi io facevo colazione in un vero caffè parisienne dietro il mercato di San Lorenzo.
Il caso ha voluto che passassi da via Guelfa, di fretta e un po’ scocciata dal traffico, dalla pioggia, dal tempo che mi rincorre sempre ma comunque bisognosa di un caffè.
Passando davanti a quel brutto scheletro di cemento che oggi è Sant’Orsola mi sono soffermata un attimo e voilà proprio di fronte a me Paris!
La Pasticceria Mignon vi giuro che di mignon ha solo il nome.
Il locale, infatti, è molto ampio e ben arredato in gusto provenzale e qui il legno, il bianco e il decapè fanno da padroni.
Appena entrati vi accoglie un bel bancone alto con luminose vetrine con dentro muffin ai mille gusti, brioche al burro friabilissime e non troppo dolci come i veri croissant e infine una selezione di cupcake colorati degni di Alice nel paese delle meraviglie.
Accanto alla porta su una vecchia macchina da cucire in ghisa, ormai trasformata in tavolino, vi aspetta il giornale e la gazzetta.
Il cappuccino è ben fatto e la cortesia del personale stupisce quasi.
Io sono una chiacchierona, è vero, ma non mi era mai capitato un bar dove i gestori cercano di socializzare già dalla prima volta che entro.
O Firenze sta cambiando o forse ero davvero a Parigi?
Il prezzo: cappuccino+croissant 2,20€
Il pezzo forte: se come me oltre che mangiarli i dolci amate anche farli, sappiate che qui organizzano corsi di alta pasticceria dolce e salata anche per principianti se vi interessa: corsi@mignonfirenze.it

(Visited 271 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Carlotta Ansaldi

Frutto dell’unione tra San Niccolo’ e la Colonna, nata per il Capodanno fiorentino vivo in Oltrarno… piu’ fiorentina di me forse c’e’ solo la bistecca.
Amo tanto gli animali, i libri, i miei tanti studenti e il mio lavoro di Archeologa per bambini ma la mia vera grande passione sono cappuccino, pasta e cronaca di Firenze rigorosamente al bar!

TESTTTTTTTTT

Dal 1933

TESTTTTTTTTTT

L’ultimo Ruggini