Il pranzo di Natale è l’occasione per riunire tutta la famiglia. E ogni famiglia lo sottolinea con un proprio menù che può essere quello tradizionale delle Feste, oppure quello tramandato dalle consuetudini di famiglia, o ancora quello che segue le ultime tendenze. Resta il fatto, che il pranzo di Natale rappresenta il momento più importante delle feste natalizie.

Io, però, voglio proporvi una minestra insolita che, se incontra il vostro gusto, potrete inserire nel menù. Basta avere in casa gli ingredienti per fare il brodo vegetale, un pezzo di parmigiano (serve la corteccia) e una confezione di spaghetti.

Preparate del brodo vegetale, con un litro d’acqua, una carota una cipolla una costola di sedano; fate cuocere per almeno trenta minuti.

Nel frattempo, preparate un soffritto con una cipolla bianca e uno spicchio d’aglio. Quando la cipolla sarà diventata trasparente – state attenti a non farla bruciare – aggiungete una buona quantità di piselli surgelati extra fini, fate insaporire e aggiustate di sale e pepe.

A questo punto aggiungete il brodo vegetale che avete preparato e un cucchiaino da caffè di doppio concentrato, meglio se sciolto in un po’ di brodo, e fate cuocere il tutto per almeno dieci minuti.

Prendete la corteccia del parmigiano, raschiatela, tagliatela a quadratini di media grandezza e aggiungeteli al brodo. Trascorsi dieci minuti, assaggiate per controllare che la corteccia si sia ammorbidita quindi buttate gli spaghetti spezzettati per essere mangiati al cucchiaio, e ultimate la cottura.

Dopo aver impiattato, aggiungete una leggera spolverata di pepe nero e, a piacere, di parmigiano. Se la provate, fatemi sapere.

Buon appetito e Buon Natale!

 

Minestra con piselli e croste di formaggio

Minestra con piselli e croste di formaggio

(Visited 89 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Stefano Poli

Nato a Prato, ma vivo a Firenze da sempre. Sommelier dal 1986, amante del buon cibo ed estimatore del buon vino. Viaggiatore singolare, proiettato alla scoperta di nuovi sapori, usanze e costumi diversi. Un piccolo aneddoto che mi riguarda: la soddisfazione di “aver pestato i piedi a Steven Spilberg durante un ricevimento a cui ero presente, come sommelier. Volete sapere qual è stata la sua reazione? Molto elegantemente, si è complimentato con me per la scelta dei vini.

TESTTTTTTTTTT

Brindiamo!