lampione-BN°

Oggi 11 novembre l’illuminazione di Firenze si spengne alle 6.45. L’orario in cui si spengono i lampioni di Firenze sta scritto giorno per giorno, mese per mese, per tutto l’anno, sull’home page del sito della SILFI (la società che gestisce l’illuminazione pubblica di Firenze). E quest’orario cambia con il passare delle stagioni. In questo mese ogni 4-5 giorni. Il 30 lo spegnimento sarà già slittato alle 7.05. Ovviamente accanto all’orario dello spegnimento viene indicato anche l’orario dell’accensione , ma è più bello concentrarsi sul momento in cui la luce artificiale dei lampioni lascia lo spazio alla luce naturale del giorno. In realtà c’è un momento in cui le due luci si sovrappongono. In quel momento, che può durare anche diversi minuti, tutte e due le luci, quella dei lampioni e quella del giorno, sono accese. In quel momento è come se la notte ed il giorno si dessero la mano e non avessero nessuna voglia di staccarsi l’una dall’altra. Per chi è a giro in quel momento è bello lasciarsi sorprendere da questo passaggio, da questo buongiorno vero. Un miracolo. Un po’ come quello del finale di un film di tanti anni fa, Miracolo a Milano, dove a centinaia salgono in cielo e cavalcando delle scope volano sulla città verso un regno dove buongiorno voglia dire veramente buongiorno.

Rischiamo ogni giorno di essere seppelliti sotto il castello di parole costruito da noi stessi. Un castello immenso pieno di stanze vuote. Un castello dove anche la parola buongiorno corre il rischio di avere dietro di sè una stanza vuota. Eppure la parola buongiorno è così bella ed è così bello scriverlo o gridarlo a chi si vuol bene. Arrediamo le stanze del nostro castello di parole, riempiamole di significato a partire dalla prima che pronunciamo ogni giorno.

Buongiorno!

(Visited 895 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Giovanni Grossi

Ho cinquantanni e per il mio lavoro ho la fortuna di girare per Firenze in bicicletta e quando scendo dalla bici vado a piedi e quando sono stanco salgo sull’autobus. Il mio primo amore è la scrittura ed il mio primo amore dura tuttora. Sono tra i fondatori dell’associazione Tandem di pace e sono nella giuria del premio letterario fogli di viaggio dedicato alla figura di Tiziano Terzani. Adoro i miei figli e mangiare un panino con l’hamburger la domenica sotto la curva Fiesole. Dimenticavo….il mio primo odio è la juve ed anche questo dura tuttora.