Cos’è rimasto dei fasti della Firenze sportiva? La polvere accumulatasi negli anni. Foto sbiadite e ingiallite, di quando esistevano solo le macchine fotografiche e i social non erano nemmeno immaginazione. Perché se si va a sfogliare l’album dei ricordi, lo scudetto vinto dalla Fiorentina Baseball è datato 1949. Tempi ormai lontani.
Sette anni dopo è arrivato il primo scudetto della Fiorentina Calcio, bissato nel 1969. Ere geologiche, sportivamente parlando. Il campionato era a sedici squadre, la vittoria valeva due punti e l’unico modo per vivere le partite era ascoltare “Tutto il calcio minuto per minuto”. In attesa spasmodica della “Domenica Sportiva” per vedere le immagini. Un passato ormai remoto, remotissimo, trapassato.
Più vicini nel tempo, si fa per dire, gli ultimi scudetti della pallavolo maschile. Una volta Firenze aveva una squadra di volley fortissima: si chiamava Ruini, era il team dei Vigili del Fuoco e giocava nell’angusto e chiassoso palazzetto di Via Dei. Vinse cinque scudetti, tra il 1963 e il 1973. Allora nella pallavolo esisteva il cambio palla e ogni set finiva a 15 punti. Oggi, per ragioni televisive, il cambio palla non esiste più e si arriva a 25. E la palla gira molto più veloce. Come il tempo che passa.
Ancora più recente è l’ultimo scudetto della pallanuoto maschile, datato 1980. La squadra era la Rari Nantes Florentia, che oggi (un giorno sì e l’altro pure) corre il rischio di essere abbattuta causa presunte piene dell’Arno. La Rari è società gloriosa, vincitrice di ben nove scudetti. Nel 1980 ci giocava ancora il grande Gianni De Magistris. Il quale, per ironia della sorte, ha allenato le fantastiche ragazze della Fiorentina Waterpolo che nel 2007 hanno vinto quello che, a oggi, è l’ultimo scudetto vinto da una squadra cittadina. Anno d’oro il 2007, che ha visto la conquista dello scudetto, della Coppa dei Campioni e della Supercoppa Europea, un triplete di cui la gran parte dei Fiorentini è all’oscuro.
E ora? Il vero dramma è che nessuna di queste squadre ha oggi la sia pur minima possibilità di ripetere i fasti di un tempo. La Firenze sportiva naviga in acque ormai ferme, anche a causa della cronica mancanza di impianti adeguati. Lo sport cittadino è stato messo in un angolo dalle varie amministrazioni, che sembrano bearsi solo di annunci, come quello per esempio della costruzione del nuovo stadio in tempi brevissimi.
Rimane solo la gloria. Racchiusa in pochi momenti, lontani e ormai corrosi dalla ruggine del tempo.

 

(Visited 92 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.