Nel 2016 ricorre il 50° anno dalla Grande alluvione di Firenze del 1966, occasione per cui in città saranno programmati moltissimi eventi a lei dedicati. Uno degli eventi da alluvionenon perdere è la bellissima mostra fotografica “L’alluvione di Firenze del 1966” organizzata dall’Associazione Firenze Promuove e ospitata fino al 25 aprile nella Basilica di Sn Lorenzo. Oltre 200 foto inedite
accompagnate da filmati d’epoca e ricostruzioni scritte dell’accaduto, per non dimenticare una tragedia che ha unito il mondo intero. La mostra è ad ingresso gratuito.

Questo fine settimana approfittate degli ultimi giorni per visitare un’altra mostra fotografica che domenica 10 aprile chiuderà i battenti: “Andy Warhol fotografato da Aurelio Amendola. New York 1977 e 1986”, sono 10 immagini frutto di due diversi “incontri” nella Factory della Grande Mela, tra il fotografo pistoiese di fama internazionale e l’artista simbolo della pop art. La mostra è visitabile con il biglietto di ingresso alla Galleria degli Uffizi dalle 8.15 alle 18.50 tutti i giorni. 

E ora una notizia che non riguarda questa settimana, ma che è bene saperla in anticipo per non arrivare impreparati! Dal 15 al 17 aprile torna il “Festival dei Bambini“, tre giorni dedicati ai bambini e ragazzi con attività gratuite di ogni genere. Una manifestazione dedicata al loro mondo, alla loro creatività e alla loro fantasia: un’occasione di crescita attraverso un percorso esperienziale di condivisione, coinvolgimento e di scambio di valori e conoscenze. I luoghi scelti per ospitare gli eventi sono la festival-dei-bambini-firenze-FDBLVUSCBiblioteca delle Oblate, il centro storico, il complesso delle Murate, il Parco delle Cscine e il Giardino dell’Orticoltura. Alcuni eventi sono su prenotazioni, quindi vi consigliamo di scegliere l’attività che preferite attraverso la consultazione del programma (veramente ben fatto grazie alla possibilità di scegliere per giorno, tema, luogo o fascia di età) e mi raccomando… divertitevi!

(Visited 440 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua