Lunedì 31 luglio
Stasera Voyager propone, tra l’altro, un viaggio in Friuli, con il castello di Miramare a Trieste e le grotte del Timavo, il fiume che scorre quasi interamente sottoterra. Canale 5 trasmette l’ultima puntata di Temptation Island. Su Iris continua la rassegna dedicata a Hitchcock: Marnie, con un giovane Sean Connery. Da vedere. Su Real Time alle 23.05 il reality Obesi Transgender. Ormai c’è di tutto.

Martedì 1 agosto
Finito “The Halcyon” − che nel finale ha perso diversi colpi − su Rai Uno comincia una nuova serie, L’ambasciata, ambientata all’ambasciata spagnola in Thailandia. Rai Tre trasmette il penultimo appuntamento della serie curata da Walter Veltroni “Gli occhi cambiano”. Stasera Immaginare. L’audience è risalito, in concomitanza con le dimissioni della direttrice della rete. Coincidenza, pura coincidenza. Su TV8 una bella accoppiata. Alle 21.15 La guerra dei Roses, che a distanza di anni rimane ancora godibilissimo. E a seguire Point Beak, i surfisti che nel tempo libero si mettono le maschere dei presidenti americani e rapinano le banche. Finisce tardissimo ma merita il sacrificio.

Mercoledì 2 agosto
SuperQuark stasera si occupa (anche) di Thailandia del Sud e Campi Flegrei. Speciale Chi l’ha visto? chiude i battenti (ma l’hanno visto in tanti). Su Rai 5 The Sacred Triangle, la storia della collaborazione che, dal 1971 al 1973, ha cambiato il destino della musica. Iggy Pop, Lou Reed, David Bowie: il triangolo sacro. Su Real Time alle 23.05 il reality Sex Er: tutta colpa del sesso. Ormai c’è di tutto. Alla faccia delle fasce protette.

Giovedì 3 agosto
Su Rai Tre ’71, film ambientato in Irlanda del Nord durante i troubles. Un soldato inglese abbandonato dai commilitoni viene fatto prigioniero dall’Ira. Su Rai Uno alle 23.35, dopo Velvet, va in onda da qualche settimana un programma di interviste, I Supereroi di Pani e Mollica. Il dubbio che i due conduttori siano stati scelti solo per il titolo è molto forte. Canale 5 riprende la grande stagione calcistica trasmettendo il ritorno del preliminare di Europa League Milan-Università Craiova. Insomma grande, per adesso… media.

Venerdì 4 agosto
Su Rai Due va in onda la prima giornata dei mondiali di atletica, a Londra. Dicono che saranno il canto del cigno per Usain Bolt. Rai Tre trasmette La grande storia, dedicata ai grandi eroi italiani. D’Annunzio (eroe? Mah!), Umberto Nobile, che raggiunse il Polo Nord su un dirigibile (e qui va già meglio), Lacedelli e Compagnoni, che nel 1954 scalarono il K2 (roba da urlo con i mezzi di allora. Peccato che da buoni italiani riuscirono a far polemica anche sul Karakorum). Su Iris, alle 23.15, va in onda Trainspotting, un vero cult. Domani è sabato, chi lavora faccia un sacrificio. Il film lo merita.

Sabato 5 agosto
I mondiali di atletica riempiono la scena su Rai Due. Rai Uno non dà fastidio. Trasmette Sogno o son desto 3, quattro serate con Massimo Ranieri (e così si arriva a fine mese: con un colpo di “genio” la rete ammiraglia ha riempito tutti i rimanenti sabati estivi!). Anche Rai Tre si defila e manda in onda Totò contro i 4, roba che non fa onore al principe De Curtis. Mediaset dà invece battaglia su Italia Uno con Il mondo perduto-Jurassik Park, un sequel che vale l’originale. Tv8 − e speriamo che non ci faccia il bidone come qualche settimana fa − trasmette Into the Wild. La ricerca della libertà e il prezzo altissimo da pagare.

Domenica 6 agosto
La notizia della settimana sono certamente le dimissioni della direttrice di Rai Tre. Avevamo sommessamente mormorato che forse non era adatta al ruolo. Tra l’altro ha rinunciato alla liquidazione, cosa che aveva già fatto anche il direttore generale Dell’Orto. Ora va così fra i ricchi vip. I poveri, invece, non rinunciano a nulla. Sono proprio fuori moda.

(Visited 164 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Duccio Magnelli

Lettore un po’ bulimico, non si limita a leggere qualsiasi cosa gli capiti sotto mano ma decide anche di mettersi a scrivere. Diventa così un giornalista pubblicista che scrive di calcio e si impiccia di tutto il resto. Romanzi compresi. Come i tre che (per ora) portano la sua firma.