Quando eravamo giovani, ma giovani davvero, classificare l’età era decisamente più semplice. Con qualche inevitabile incertezza nelle zone di confine, era comunque piuttosto semplice distinguere tra “bambini”, “adolescenti”, “giovani”, “adulti” e “anziani”.
Negli ultimi anni le fasce d’età si sono evolute, dilatate o ristrette a seconda delle necessità, e si sono arricchite più loro di sfumature che il PD di correnti.
Fino a pochi anni fa definire “giovane” un cinquantenne era quasi un’eresia; oggi non solo avviene con una disarmante frequenza, ma è perfino giustificabile dal punto di vista lessicale.
In un’epoca di “bamboccioni”, che abbandonano la famiglia d’origine alla soglia degli “anta”, è stato necessario riformulare concetti e ritarare gli aggettivi.
I demografi, nel tentativo di fotografare una società in continua evoluzione, hanno sentito la necessità di introdurre nuove fasce d’età. Ecco così nascere i giovani (21-25 anni), i giovani adulti (26-34 anni), gli adulti “veri” (35-54), i tardo-adulti (55-64 anni), i giovani anziani (65-75 anni), gli anziani (76-84 anni) e i grandi anziani (>85 anni).
Gioisce la Fornero, che trova nella nuova classificazione una conferma della sua convinzione, che in pensione ci debbano andare solo gli anziani. Gioiscono un po’ meno i giovani (quelli veri) che, a caccia di un impiego, devono mettersi nell’ordine di idee che la pensione non può certo essere un privilegio per tardo-adulti; caso mai per giovani anziani (a crederci) o per “veri” anziani.
C’è chi apprezza gli ossimori, per cui ambisce ad entrare al più presto nella fascia dei giovani anziani, e chi è scettico di fronte all’immagine che evoca l’espressione “tardo-adulti”, evidenziando che “tardo” sarà anche un aggettivo qualificativo, ma non è molto qualificante.
L’errore che non si deve compiere è quello di confondere descrizione e contenuto. Gli adulti alle prese con la partitina di calcetto, in questo contesto, devono porre più l’accento sull’aspetto sostanziale che non sull’aspetto lessicale: adulti per i demografi, ma ben oltre per gli ortopedici.
È probabile che in futuro si debbano creare ulteriori suddivisioni per adeguarsi all’evoluzione dei costumi. Non ci sarà da stupirsi se nel giro di qualche lustro le classificazioni aumenteranno: i giovani (21-25 anni), i giovani quasi-adulti (26-30 anni), i giovani adulti (31-35 anni), gli adulti ancora-giovani (36-40 anni), gli adulti che-si-sentono-giovani (41-45 anni), gli adulti che-il-fisico-non-è-più-giovane (46-50 anni), gli adulti (51-55 anni), gli adulti si-fa-per-dire (56-60 anni), i tardo-adulti (61-65), i tardissimo-adulti (66-70 anni), i quasi-anziani (76-80 anni), gli anziani (81-85 anni), i grandi anziani (86-89 anni), gli anziani rintronati (90-95 anni), gli anziani ho-dato-tutto (96-100 anni) e gli highlander (>100 anni).
Il vantaggio, a ben vedere, è per i nati negli anni sessanta, che man mano procedono con l’età di fatto non invecchiano mai, perché i demografi spostano sempre in avanti il limite della loro vecchiaia. Questi fortunati possono permettersi il lusso di dire di essere (stati) giovani per svariate decadi, acciacchi permettendo.

Age
(Visited 400 time, 2 visit today)
Share

Dicci la tua

Francesco Reale

Mi piace definirmi lombardo di origine, fiorentino di adozione. In realtà Firenze se ne è ben guardata dall’adottarmi. Non si è neppure sbilanciata su un affido. In sintesi, quindi, sono un apolide, con un accento da autogrill, che vive a Firenze da circa un quarto di secolo. Delle numerose passioni che coltivo, quella per la musica è il filo conduttore dei miei primi interventi su tuttafirenze, ma il mio ego ipertrofico e la mia proverbiale immodestia mi spingono ad esprimermi su qualunque argomento, con la certezza di riuscire a raggiungere vette non comuni di banalità e pressapochismo. I miei contributi hanno uno scopo ben preciso: rincuorare le altre firme, dando loro la consapevolezza che c’è sempre chi fa peggio.