tommyGià da qualche anno avevo notato, in via Forlanini, un nuovo punto di ristoro. Ultimamente mi è capitato di passarci nuovamente davanti ma,  non presentandosi particolarmente bene, soprattutto a causa di un enorme pupazzo a forma di hotdog all’entrata che mi suggeriva una cucina dozzinale,  decido in un primo tempo,  di non soffermarmi.
Come mio solito non resisto alla curiosità e, dopo poco, mi trovo ad entrare nella panineria “da Tommy” restandone particolarmente sorpreso.

Locale particolare, una via di mezzo tra il porchettaro notturno e il pub dove in un primo banco è possibile farsi preparare dei panini da asporto alla maniera più classica mentre,  addentrandosi verso il secondo banco , scopro che è possibile consumare anche al tavolo. Il menu offre una enorme scelta e consiglio caldamente i taglieri, di tutte le fogge e misure. In questi troneggiano enormi hamburger i quali, come ne fa vanto il gestore del locale, sono fatti completamente a mano.
Va detto, la carne è ottima (tolto forse l’hamburger di cinta che non mi è affatto piaciuto) anche perché anche qua vige la regola del cibo a chilometri zero, tutta la carne viene da allevatori di zona. E’ particolarmente curiosa poi  la possibilità di accompagnare il piatto con i condimenti tipici del panino da strada. Insomma un tagliere con hamburger, cipolla, crauti e salsa piccante, fa la sua figura…

Immancabile la birra ad accompagnare anche se le spine non sono eccezionali e la scelta delle bottiglie non è della più originale, ma la qualità c’è.
Servizio, come sempre, estremamente cortese ed è uno spasso buttare un occhio sulla piastra dove i nostri, pur di accontentare la clientela, lanciano hamburger ogni dove, a volte distruggendone alcuni.

Un ottimo posto dove mangiare con una spesa non troppo eccessiva,  non a caso mi è stato detto che Tommy è un punto di riferimento degli studenti universitari del polo di Novoli.
Unica vera pecca è la musica a volume altissimo, ma possiamo sopportare.

(Visited 489 time, 3 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.