Zebre – Leinster

Già il titolo dice tutto. Fine settimana di pausa nel torneo delle Sei Nazioni dove le varie squadre possono finalmente tirare un sospiro di sollievo e prepararsi al prossimo scontro. La nostra nazionale dovrà affrontare la praticamente impossibile prova contro l’Irlanda anche se tra le mura amiche dell’Olimpico, la prossima domenica.
Gli uomini di Conor O’Shea sono già in ritiro rincalzati da vari ritorni dalla lunga fila degli infortunati e bombardati da polemiche: non bastassero i risultati, il tecnico irlandese ha invitato al ritiro azzurro il mediano di mischia del Gluchester, Collum Broley. Giocatore di origini italiane, il nonno paterno per la precisione, che andrà al ritiro ma, ha pensato bene di specificare O’Shea, non giocherà contro i campioni in carica.

Mentre peniamo per le sorti dei colori azzurri torniamo a vedere cosa fanno le nostre franchigie nel Pro14.

Il Benetton Treviso continua a farci sognare. Raggiunto il parimerito con l’Edimburg Rugby  al secondo posto, subito alle spalle del Leinster grazie alla stupenda vittoria contro gli Scarlets. Una grandiosa rimonta nel secondo tempo li porta a trionfare per 25-19. Un grande risultato considerato il grande numero di giocatori assenti per la nazionale (anche per gli Scarlets, va detto).

Sorte differente per le Zebre che si trovavano ad affrontare il fortissimo Leinster. Nonostante una feroce e coraggiosa difesa e un valido tentativo di rimonta nel punteggio con ben quattro mete segnate, la franchigia federale deve cedere contro la squadra irlandese.24-40 il punteggio finale che non rende merito dell’impegno messo in campo dai ragazzi di Bradley.

Settimana prossima il Treviso avrà un’altra partita casalinga contro i Newport Dragons mentre un’altra difficile prova aspetta le Zebre che sono in trasferta ad affrontare l’Ulster. Il Treviso scalerà la classifica? Riusciranno le Zebre a tornare alla vittoria?

 

Materiale fotografico da ufficio stampa Zebre Rugby Club e Benetton Treviso

(Visited 37 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Alessandro Fantini

Fiorentino di terza generazione, divoratore di libri e fumetti, instancabile frequentatore di cinema e pub. Tifoso sfegatato di rugby, collezionista compulsivo, amante dei tatuaggi.
Poi ho anche dei lati positivi.