Il meglio dello sport toscano si è dato appuntamento nel Salone Brunelleschi dell’Istituto degli Innocenti a Firenze, per la consegna del Pegaso per lo sport 2013. Una tradizione giunta ormai alla 15^ edizione, con la quale la Regione Toscana premia tutti gli atleti e le società che l’anno precedente hanno conseguito risultati di rilievo a livello nazionale ed internazionale.
Alla premiazione più attesa della stagione sportiva erano presenti: Salvatore Allocca, Assessore Regionale allo Sport/Welfare, Salvatore Sanzo, Presidente del Coni Toscana, Sandro Vannini, Consigliere Nazionale dell’Unione Stampa Sportiva Italiana, Tiziano Faraoni in veste di Vice-Presidente del Comitato Paralimpico Toscana.
L’Assessore Allocca apre questa edizione con un intervento sull’importanza dello sport non solo nel momento in cui si pratica, ma come modo di vivere e di pensare, poiché investe tutta la vita. Il Premio Pegaso come occasione per festeggiare una parte importante della nostra regione, quella più attiva e positiva. Conclude con un omaggio a Pietro Mennea.
La parola al neo Presidente ConiSanzo, che ritiene un privilegio poter premiare gli atleti in questa giornata, dato che è sempre stato al di là della barricata…Si ritiene orgoglioso dei risultati dello sport toscano alle Olimpiadi e sottolinea l’importanza dell’impegno quotidiano nello sport, anche da parte dei Presidenti di Federazioni, Discipline Sportive Associate, Enti di promozione, che sono in gran parte volontari.
Vannini dell’USSI pone l’accento sull’importanza delle altre discipline sportive, che non siano sempre e solo il calcio.
Gradita ospite della giornata Fiona May, eccezionale atleta con un curriculum professionale molto ampio e variegato, tra cui può annoverare anche la recente elezione in Giunta Coni nazionale.
Per il Comitato Paralimpico Toscana parla Faraoni, che si esprime positivamente riguardo la grande visibilità che il movimento paralimpico ha acquisito nelle ultime due Olimpiadi/Paralimpiadi e dichiara: “noi del CIP abbiamo un sogno…quello di unificare i due settori! Non vorremo parlare più di diversamente abili, ma di sicuramente abili”.
Arriva poi il premio speciale alla carriera per Maria Nardelli, atleta fiorentina, veterana del tennis tavolo in carrozzina, che vanta ben 6 partecipazioni alle Paralimpiadi.
Infine Stefano Gori, non vedente e pluri-campione nell’atletica, è stato candidato, insieme ad altri dodici campioni, per il Premio Pegaso speciale, vinto dall’Olimpico Luca Tesconi.

(Visited 289 time, 1 visit today)
Share

Dicci la tua

Silvia Tacconi

Classe ’81, pontassievese doc e dunque pendolarizzata fiorentina. “Pissicologa”, come dicono le mie nonne, e specializzanda in psicoterapia. Impegnata nel sociale da sempre, mi occupo di disabilità e collaboro con il Comitato Paralimpico Toscano, con il Centro di Solidarietà di Firenze e chi più ne ha più ne metta…Appassionata di danza, viaggiatrice backpacker incallita e affascinata dal concetto di “diversità”.